Home Attualità Cop26, boom di jet privati. Anche Johnson lo usa e va a...

Cop26, boom di jet privati. Anche Johnson lo usa e va a Londra per una cena con i negazionisti climatici

Cop26, l’ipocrisia dei leader mondiali e delle delegazioni: tante belle parole sul clima, ma è boom di jet privati. E anche Boris Johnson finisce nella bufera.

Cop26, è boom di jet privati per l’arrivo dei leader mondiali e delle delegazioni dei vari Paesi a Glasgow. Secondo FlightRadar24, infatti, dal 27 ottobre a oggi, in Scozia sono arrivati ben 182 voli privati, praticamente il doppio della media della settimana precedente. Di questi, 76 voli ospitavano i rappresentanti dei vari Paesi e, addirittura, i jet privati hanno volato tra i due aeroporti di Glasgow. I passeggeri sono stati fatti scendere a Paisley, mentre gli aerei sono stati poi portati a Prestwick, distante appena 41 chilometri.

Cop26: cos’è, che obiettivi si pone e perché è così importante per il pianeta

Lo rende noto la BBC, che calcola anche l’impatto ambientale dei jet privati. Come tutti gli aerei, rappresentano il mezzo più inquinante per quanto riguarda l’emissione di gas serra, in particolare CO2, ma l’impatto è ancora maggiore rispetto ai voli commerciali, per via di fattori come la grandezza, l’efficienza e i livelli di capienza. Ci sono poi altre variabili da considerare: è stato stimato, dal Dipartimento britannico per il business, l’energia e le strategie industriali (BEIS), che il viaggio fatto da Roma a Glasgow dai leader del G20 abbia prodotto 5,9 tonnellate di CO2 per ogni singolo volo privato. Tuttavia, fa sapere sempre il BEIS, ci sono anche altri gas climalteranti che vengono emessi da questi voli e che, specialmente alle maggiori altitudini, incrementano i propri effetti, quindi per calcolare il dato delle emissioni totali andrebbe moltiplicato per 1,9.

Cop26: otto Paesi Ue non firmano l’accordo per il metano, ma per loro valgono gli impegni comunitari

Se invece i leader mondiali avessero scelto un volo commerciale per dirigersi da Roma a Glasgow, le emissioni sarebbero state ridotte di tre quarti rispetto al totale. Anche se i voli commerciali utilizzano più carburante per ogni ora, il maggior numero di passeggeri permetterebbe comunque di ridurre la quantità di emissioni per ogni persona. La dottoressa Debbie Hopkins dell’Università di Oxford, esperta di trasporti e decarbonizzazione, ha spiegato: “Una quantità enorme di carburante viene utilizzata in fase di decollo e atterraggio, indipendentemente dal numero di persone a bordo. Quindi un trasporto già molto inquinante diventa anche peggio con i voli privati“.

Come abbiamo già visto con i mezzi di trasporto della delegazione degli Stati Uniti durante il G20 di Roma, i leader mondiali, nonostante le buone intenzioni, non hanno certo mantenuto la coerenza e non hanno dato il buon esempio. A Glasgow, il premier britannico Boris Johnson ha fatto gli onori di casa, ma è finito nella bufera ed è stato attaccato duramente dall’opposizione laburista per aver viaggiato, proprio con un jet privato, fino a Londra per partecipare ad una cena con alcuni giornalisti del Daily Telegraph, tra cui ci sarebbero anche diversi negazionisti del cambiamento climatico. “È incredibilmente ipocrita lanciare tanti allarmi e poi comportarsi così, è evidente che ci sono delle regole per i conservatori e delle regole per tutti gli altri“, ha tuonato la parlamentare laburista Anneliese Dodds.

Cop26, Johnson: “Siamo alla resa dei conti”. Ma poi ‘assolve’ la Cina e altri Paesi inquinanti

Un portavoce del Governo britannico ha spiegato che l’ipotesi di spostarsi in treno era stata presa in considerazione ma poi scartata per i tempi troppo ristretti. Boris Johnson è stato fotografato mentre usciva dal ristorante insieme a Charles Moore, ex giornalista del Telegraph e negazionista del cambiamento climatico. Sempre da Downing Street è arrivata una precisazione: “Per spostarsi tra Glasgow e Londra il premier ha utilizzato un aereo tra i più efficienti al mondo, dal punto di vista delle emissioni“.

Articolo precedenteRoma, Gualtieri presenta la nuova giunta comunale
Articolo successivoClima, il greenwashing della Fifa. “Zero emissioni entro il 2040”, ma vuole i Mondiali ogni due anni