Attualità

Cop26, David Attenborough sarà il rappresentante dei cittadini alla conferenza per il clima

Condividi

Il celebre naturalista Sir David Attenborough è stato nominato Rappresentante dei Cittadini alla conferenza per il clima Cop26, in programma a Glasgow a Novembre.

Sir David Attenborough, il noto naturalista britannico 95enne, avrà un ruolo fondamentale nell’ambito della conferenza sul clima, copresieduta da Italia e Regno Unito, che si terrà a Glasgow a Novembre: Londra lo ha infatti appena nominato ‘rappresentante dei cittadini’ – ‘people’s advocate’ – e avrà il compito di far presente ai leader politici che agire in fretta è necessario per prevenire catastrofiche conseguenze dei cambiamenti climatici.

“L’anno che la terra cambiò”, in arrivo un nuovo documentario sulla crisi climatica

David Attenborough ha già ispirato milioni di persone nel Regno Unito e in tutto il mondo con la sua passione e conoscenza per agire sui cambiamenti climatici e proteggere il pianeta per le generazioni future. Non c’è persona migliore per costruire lo slancio per ulteriori cambiamenti mentre ci avviciniamo al vertice sul clima della COP26 a novembre “, ha affermato il primo ministro inglese Boris Johnson.

 


Johnson, che è desideroso di lucidare le sue credenziali ambientali, ha detto che spingerà i leader al vertice del G7 che presiederà a prendere impegni saldi sul clima.

Attenborough ha detto che la COP26 deve avere successo.

 


Non potrebbe esserci un momento più importante in cui dovremmo avere un accordo internazionale. L’epidemia ci ha mostrato quanto sia cruciale trovare un accordo tra le nazioni se vogliamo risolvere questi problemi mondiali “, ha detto.

Plastica, Sir David Attemborough presenta un impianto capace di riciclare qualsiasi materiale

A febbraio, Attenborough ha dichiarato al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che il cambiamento climatico è la più grande minaccia alla sicurezza che gli esseri umani moderni abbiano mai affrontato.

(Visited 26 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago