AttualitàClima

Clima, al via organizzazione della Cop26. Costa: “sintonia sulla road-map per Glasgow”

Condividi

Cop26. “L’emergenza climatica non aspetta nessuno. Per questo mi sono recato in questi giorni a Londra per incontrare i nostri partner inglesi nell’organizzazione della prossima Conferenza mondiale sul clima” ha dichiarato il ministro dell’ambiente Sergio Costa.

Nel corso della sua prima missione all’estero dopo il lockdown, Costa ha incontrato Alok Sharma, Presidente di Cop26 e Ministro per le attività produttive del Regno Unito, e Lord Zac Goldsmith, Sottosegretario presso i ministeri dell’Ambiente, dello sviluppo internazionale e degli affari esteri, nonché l’ambasciatore italiano presso il Regno Unito Raffaele Trombetta.

La 26esima Conferenza internazionale delle parti (COP) della Convenzione delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici si terrà, infatti, a Glasgow a novembre del prossimo anno e l’Italia è il Paese co-organizzatore insieme al Regno unito.

Kenya, i fenicotteri rosa ritornano sul lago Nakuru dopo otto anni

L’Italia, inoltre, ospiterà i due momenti preparatori molto importanti nel settembre del prossimo anno a Milano: la PreCop, dove si negozieranno gli accordi che saranno poi ratificati a Glasgow, e la Youth4Climate, la prima conferenza mondiale dei giovani sul clima.

“L’emergenza Covid – ha spiegato ancora il ministro Costa – ci ha costretto a rinviare di un anno la Cop26, e di conseguenza la PreCop e la Youth4Climate dedicata ai giovani, ma non per questo l’attenzione deve calare, anzi, dobbiamo sederci ai diversi tavoli di negoziazione con idee ancora più chiare e ambiziose. Prima di arrivare alla Conferenza sul clima ci aspettano però due importantissimi incontri internazionali: il G7, che sarà organizzato dal Regno Unito, e il G20, la cui presidenza nel 2021 toccherà all’Italia.

“Devo dire – ha aggiunto Costa – che ho trovato piena assonanza nei nostri partner inglesi nel darci obiettivi precisi per quanto riguarda le politiche climatiche già nel corso di questi due eventi, ai quali siedono le maggiori potenze industrializzate e, di conseguenza, quei paesi che hanno maggiori responsabilità nelle emissioni di gas climalteranti. Soprattutto ora che dobbiamo riprenderci da una pandemia globale. Con Alok Sharma ci siamo trovati d’accordo, infatti, nel ritenere che la ripresa sarà verde o non sarà. E tutti dobbiamo fare la nostra parte perché lo sia”.

Inquinamento, ogni lavaggio di un paio di jeans rilascia oltre 50mila microfibre nell’acqua

“Altro punto importante su cui ci siamo trovati in sintonia è quello di avere un quadro d’insieme, una visione olistica, che tenga unita la tutela della biodiversità con le politiche climatiche. I due temi sono strettamente legati e un primo banco di prova sarà anche la prossima Conferenza delle parti sulla biodiversità che si terrà a Kunming in Cina nei prossimi mesi”.

Fra i punti toccati nel corso degli incontri di Londra, l’Italia farà da facilitatrice nei rapporti con gli altri paesi che parteciperanno a Cop26: “Non tutti i paesi del Pianeta remano ancora con la stessa intensità e per questo ho proposto che il nostro Paese, per la sua tradizione e per i suoi rapporti di familiarità con molti di queste nazioni, possa fare da apripista e mediatore affinché la Conferenza di Glasgow riesca pienamente”.

Bonus mobilità, rimborsi dal 4 novembre. Ecco come richiederli

“In questi giorni a Londra – conclude Costa – abbiamo potuto piantare i primi semi per la costruzione di un nuovo percorso, certamente ambizioso ma importante per il nostro futuro e per quello del Pianeta. Questa è una sfida che dobbiamo vincere tutti insieme e l’Italia, oggi più che mai, ha un ruolo fondamentale”.

 

(Visited 26 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago