ClimaTerritorio

Cop25, partita a Madrid la conferenza sul clima: ma che fine ha fatto Greta Thunberg?

Condividi

L’attivista svedese ancora non è ancora approdata in Europa, nonostante la COP25 sia già iniziata. Al momento Greta è ancora in mezzo all’Atlantico, ma dovrebbe arrivare in settimana.

Greta Thunberg si sta perdendo l’inizio della COP25, la conferenza delle Nazioni Unite sul clima che inizia lunedì a Madrid. L’attivista svedese è ancora in mezzo all’ Atlantico, insieme alla coppia di youtuber australiani a cui ha “scroccato” un passaggio.

Le ultime notizie di Greta vedono la giovane svedese avvisare su Instagram che stanno “andando a tutta forza” verso l’ Europa.

“Dovremmo arrivare martedì mattina. Sbarcheremo a Doca de Alcantara, Lisbona. Ci vedremo lì”, scrive la Thunberg sui social network.

 

La  COP25, che è stato spostato a Madrid dopo la rinuncia del Cile per via dei disordini del paese, punta a rifinire gli accordi tra nazioni messi nero su bianco durante il Summit di Parigi del 2015.

Cop25, Guterres: “Porre fine alla guerra contro la natura ma manca volontà politica”

La Thunberg si trovava negli Stati Uniti per una serie di interventi e conferenze, compreso il famoso discorso che ha tenuto alla sede delle Nazioni Unite di New York, quello dell’ormai storico “How dare you“.

Il viaggio di andata dalla Svezia a New York è iniziato in treno, proseguito in barca a vela e poi attraverso auto elettriche , compresa quella donatele da Arnold Schwarzenegger, e avrebbe dovuto partecipare alla COP25 Santiago. Una volta venuta a conoscenza dello spostamento è stato costretta a “cercare un passaggio” per tornare in Europa.

Clima, Schwarzenegger regala a Greta Thunberg un’auto elettrica

Giorni dopo, la Thunberg ha accettato l’invito dei coniugi australiani Riley Whitelum e Elayna Carausu ed è salita sul loro catamarano da 18 metri chiamato La Vagabonde.

Clima, Greta Thunberg ha trovato un passaggio per il summit di Madrid

Il viaggio di ritorno, ampiamente documentato dall’attivista su Instagram, è durato più del dovuto ma adesso, arrivata al 18esimo giorno di navigazione, sembra essere arrivato alla fine.

 

 

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago