Cop21. La Conferenza degli Stati approva la “Carta di Napoli”, il documento che indicherà la strada da seguire per la tutela del Mediterraneo.

Ministri, Sottosegretari e delegati dei 21 Paesi (Europa, Africa e Medio Oriente) più l’Unione Europea che aderiscono alla Convenzione Onu di Barcellona, si sono impegnati così a lavorare congiuntamente nei prossimi anni su una serie di obiettivi.

La firma della “Carta di Napoli”, sancisce l’inizio delle presidenza italiana della Cop21 per i prossimi due anni.

Inquinamento, cucciolo di foca gioca con una bottiglia di Starbucks

“Obiettivi raccolti in quattro temi salienti – ha spiegato il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, presidente della Conferenza – per un futuro di pace, prosperità e sviluppo sostenibile sulle sponde del Mare Nostrum, legati alla tutela dell’ambiente marino e delle regioni costiere”.

La Dichiarazione ha aggiunto Costa. “è un vero e proprio manifesto, una carta orientata all’azione che pone i nostri Paesi al centro di una sfida comune nelle politiche di tutela e sostenibilita’ del Mediterraneo. Vogliamo lasciare ai nostri figli un Mediterraneo di pace”.

Alberi, meglio della tecnologia: è il modo più efficiente per ridurre l’inquinamento

I punti chiave della Dichiarazione sono:

  • marine litter,
  • contrasto fino alla completa eliminazione dei rifiuti;
  • rafforzamento del sistema di aree protette
  • tutela della biodiversità;
  • nuove strategie per contrastare i cambiamenti climatici in atto a livello regionale;
  • proporre soluzioni di blu economy per un futuro sostenibile

Inquinamento, raggiunto livello record di gas serra nell’atmosfera

Uno degli impegni più significativi della Dichiarazione, è la diminuzione delle emissioni di zolfo in atmosfera da parte delle grandi navi.

Dopo anni di negoziati, duranti i lavori della Conferenza di Napoli è stata inoltre adottata una road map per proporre la designazione di tutto il Mediterraneo come area a emissioni controllate di ossidi di zolfo.

Nel capoluogo campano, il Ministro Costa ha incontrato Confitarma, l’associazione dei grandi armatori, che si sono detti disponibili ad un percorso green.

Place, il programma di Eni per trasformare i pozzi dismessi in oasi di biodiversità

Una prima resistenza era stata posta da Stati come Turchia, Malta, Grecia, Siria e Libia.

Stallo superato grazie all’Ue che ha offerto linee di finanziamento per accettare l’istituzione della Zona Seca, già presente ad esempio nel Mar Baltico.

“Veniva richiesto da decenni – ha sottolineato Costa – e per noi è una grande soddisfazione perché siamo d’accordo con il mondo dell’imprenditoria privata, gli armatori, che non rappresentano una contrapposizione ma si associano a questo percorso”.

Articolo precedenteConsumo di suolo, ogni minuto scompaiono 100 mq
Articolo successivoAntartide, il Mare di Ross è più salato. Potrebbe bilanciare innalzamento oceani