Animali

Cop21, Costa: “nella Carta di Napoli coraggio ed operosità”

Condividi

Cop21. Terza giornata di lavori alla Cop21 a Napoli sulla Convenzione di Barcellona per la salvaguardia e la tutela del mar Mediterraneo.

“Noi chiediamo di avere coraggio e di tracciare delle date certe, con contenuti operativi” –  ha detto a margine dei lavori il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa –  è necessaria una road map precisa dell’emissione di zolfo in atmosfera delle imbarcazioni di grande tonnellaggio. Urge uno sforzo da parte degli armatori, non solo italiani ma anche stranieri”.

Ad attendere l’arrivo del Ministro fuori Castel dell’Ovo, un gruppo di attivisti di Marevivo e Fondazione UniVerde.

Barriera corallina addio. Senza biodiversità danni per 145mila miliardi l’anno

Alcune persone vestite di nero e mascherate con il volto dell’urlo di Munch, portavano con se cartelli con la scritta ‘il mare urla’, accanto a loro, giovani attivisti vestiti di blu esponevano cartelli con possibili soluzioni per salvare il mediterraneo.

“Vogliamo allargare la direttiva quadro europea marine strategy a tutto il mediterraneo. Chiediamo di inserire – ha spiegato la presidente di Marevivo, Rosalba Giugni – la catalogazione completa della biodiversità tra i compiti prioritari delle aree marine protette, promuovendo ricerche volte a comprendere quali specie sono presenti, come interagiscono tra loro e che ruolo hanno nel funzionamento della vita del mare. A impatti globali devono essere date soluzioni globali”.

Place, il programma di Eni per trasformare i pozzi dismessi in oasi di biodiversità

In serata dovrebbe essere definita la Carta di Napoli, il documento che sarà sottoscritto da tutti i 21 Paesi che si affacciano sul Mediterraneo a conclusione della Cop21.

“Teniamo a tutti i punti dell’accordo – ha spiega il ministro dell’Ambiente – ma soprattutto al concetto di tutela della biodiversità, perché il Mediterraneo è uno dei mari più piccoli al mondo ma con l’8% di biodiversità di tutto il mondo, una ricchezza fantastica”.

 

(Visited 13 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago