BiodiversitàTerritorio

Giornata nazionale degli alberi, Conte: “Piantarne uno per abitante entro il 2030” VIDEO

Condividi

Durante la sua visita a Milano il premier Giuseppe Conte ha deciso di celebrare la Giornata nazionale degli alberi piantandone uno insieme al sindaco Sala.


Giornate milanesi per il primo ministro Giuseppe Conte. Durante la sua visita al capoluogo lombardo il premier ha prima partecipato a un convegno con il sindaco Sala, poi si è recato alla Triennale, per il Forum mondiale sulla forestazione urbana.

Vaia, un anno dopo la tempesta 16.500 alberi adottati nelle aree colpite

Prima di entrare Conte si è fermato a terminare la piantumazione di uno dei quattro ippocastani posti questa mattina nell’area verde davanti all’ingresso del palazzo. “Qui stiamo lavorando seriamente. Non mi dica come devo lavorare, ho una grande esperienza di vanga alla spalle” ha poi scherzato con i fotografi che a più riprese gli chiedevano di mettersi in posa.

India, alberi piantati per combattere la diseguaglianza di genere

A piantare l’albero insieme al premier anche il sindaco, l’assessore comunale all’Urbanistica Pierfrancesco Maran, il presidente della Triennale Stefano Boeri, il vice presidente della Regione Lombardia Fabrizio Sala, il direttore generale delle foreste del Mipaaf Alessandra Stefani e il vicesindaco della Città Metropolitana di Milano Arianna Censi.

In seguito è intervenuto al Forum sulla forestazione urbana, dove ha confermato l’impegno del governo per l’ambiente e l’importanza degli alberi”.

Elezioni, il piano green: 60 milioni di alberi l’anno piantati nel Regno Unito

“L’impegno del nostro governo,” ha detto Conte, “è quello di piantare un albero per abitante, forse anche di più, entro il 2030.”


Prima della sua tre giorni milanese il premier aveva partecipato all’assemblea dell’ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) dove ha ricevuto in regalo la borraccia plastic-free allo Stand del Ministero dell’Ambiente.

 

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago