AnimaliClimaScienza e Tecnologia

Contare i trichechi dallo spazio: i satelliti al servizio delle specie a rischio estinzione

Condividi

Un nuovo progetto di ricerca sfrutterà i satelliti per contare e tracciare gli spostamenti dei trichechi in cattività, in modo da capire come i cambiamenti climatici stiano modificando gli stili di vita delle specie a rischio.

Scienziati inglesi stanno cercando persone che segnalino avvistamenti di trichechi per aiutare a monitorare le popolazioni delle creature e dare agli scienziati una comprensione di quanti ne sono rimasti in libertà. Ai più volenterosi viene chiesto di setacciare le immagini dell’Artico scattate dallo spazio alla ricerca dei mammiferi e di segnalare eventuali avvistamenti al WWF e al British Antarctic Survey, come parte di un censimento di trichechi atlantici e trichechi dal mare di Laptev.

 

Oceani, i satelliti della NASA saranno utilizzati per tracciare le masse di microplastica

Si spera che mezzo milione di persone in tutto il mondo si uniranno al progetto di ricerca Walrus from Space e esamineranno migliaia di immagini satellitari ad alta risoluzione, un compito troppo gigantesco per i ricercatori da completare da soli.

Nonostante sia una specie importante nell’ecosistema artico, si sa poco su quanti trichechi siano rimasti lungo i 25.000 km quadrati remoti e in gran parte inaccessibili di costa artica, un’area più grande del Galles.

 


Il progetto si basa sulla conoscenza delle comunità indigene, monitorando gli effetti del riscaldamento globale sugli animali, il cui habitat si sta riscaldando quasi tre volte più velocemente rispetto al resto del mondo, con circa il 13% del ghiaccio marino estivo che scompare ogni decennio.

Artide, l’ ecosistema sta mutando prima del previsto per via della crisi climatica

Rod Downie, capo consigliere polare del WWF, ha dichiarato: “Ciò che accade nell’Artico non rimane lì; la crisi climatica è un problema globale, più grande di qualsiasi persona, specie o regione. Prima di ospitare il vertice mondiale sul clima di quest’anno, il Regno Unito deve aumentare le sue ambizioni e mantenere tutte le sue promesse sul clima, per il bene del tricheco e del mondo”.

Hannah Cubaynes, ricercatrice associata presso il British Antarctic Survey, ha dichiarato: “Valutare le popolazioni di trichechi con i metodi tradizionali è molto difficile poiché vivono in aree estremamente remote, trascorrono gran parte del loro tempo sul ghiaccio marino e si spostano molto. Le immagini satellitari possono risolvere questo problema in quanto possono rilevare enormi tratti di costa per valutare dove si trovano i trichechi e aiutarci a contare quelli che troviamo.”

Artico, l’Ue chiede una moratoria per lo stop all’estrazione degli idrocarburi

“Tuttavia, farlo per tutti i trichechi dell’Atlantico e Laptev richiederebbe enormi quantità di immagini, troppe per un singolo scienziato o un piccolo team, quindi abbiamo bisogno dell’aiuto di migliaia di scienziati cittadini per aiutarci a saperne di più su questo animale iconico”.

(Visited 19 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago