Animali

Congo, uno dei più noti bracconieri condannato a 30 anni dopo l’uccisione di oltre 500 elefanti

Condividi

Sentenza storica in Congo: condannato un bracconiere a 30 anni di carcere dopo aver ucciso più di 500 elefanti. “I crimini della fauna selvatica non saranno tollerati e saranno perseguiti ai massimi livelli”, Wildlife Conservation Society.

Questa settimana uno dei più noti bracconieri del Congo, Mobanza Mobembo Gerard, è stato condannato a 30 anni di carcere per l’uccisione di oltre 500 elefanti. L’uomo è accusato, oltre che di traffico d’avorio, anche del tentato omicidio di un ranger del Parco nazionale di Nouabale-Ndoki.

Kenya, pochi turisti a causa del Covid. Nascita record di 140 elefanti

Si tratta della prima sentenza così dura emessa dal Congo per un caso di bracconaggio. Finora, infatti, i crimini contro gli animali selvatici erano stati processati in tribunali civili, con una condanna massima di cinque anni. A condannare Guyvanho è stato invece un tribunale penale.

Strage di elefanti in Botswana, misteriosa morte di 350 esemplari

Nel 2019, intercettato da una pattuglia di ranger durante una spedizione di caccia, ha aperto il fuoco ferendo più di una persona e questo gli è costato l’accusa di tentato omicidio. La condanna rappresenta “un messaggio estremamente forte – ha dichiarato Emma Stokes, direttore regionale della Wildlife Conservation Society – I crimini della fauna selvatica non saranno tollerati e saranno perseguiti ai massimi livelli”.

Etiopia, sei elefanti morti in un giorno a causa del bracconaggio illegale

(Visited 41 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago