Cultura

CONCERTO GOSPEL CAPODANNO 2019. IN RICORDO DELLE 10 DONNE DEL PONTE DI FERRO

Condividi

Concerto Gospel. Presso la chiesa di Santa Maria di Loreto a Roma, si è tenuto il Concerto gospel di Capodanno 2019, organizzato dal Pio sodalizio dei fornai e da Mosaico casting srl di Maria Caridad Palacio, dedicato alle dieci donne romane trucidate alla Garbatella dai nazisti il 7 aprile 1944.

Dopo la Santa Messa, celebrata da Monsignor Gianrico Russa e un breve saluto di ringraziamento da parte di Umberto Pacilli, segretario generale del Pio sodalizio dei fornai,  il concerto gospel di Capodanno 2019, con la regia di Tommaso Busiello, ha onorato quest’anno la memoria storica delle donne del ponte di ferro: le dieci donne romane trucidate alla Garbatella dai nazisti nel 1944, mentre tentavano di procurarsi pane e farina per i loro figli.

La tragedia è stata raccontata dall’attrice e regista Matilde D’Errico, attraverso alcuni testi originali sull’eccidio delle donne di ferro di Roma. In seguito, nella chiesa di Santa Maria di Loreto, il concerto di Cheryl Porter, con la partecipazione di Diann Valentine, wedding planner e star della tv statunitense, per un omaggio ad Aretha Franklin, The Queen of soul, scomparsa a Detroit lo scorso agosto.

Un 2019 all’insegna dell’arte e della solidarietà: è questo l’obiettivo del Concerto Gospel di Capodanno 2019, organizzato a Roma dal Pio Sodalizio dei Fornai, l’Arciconfraternita costituita dal 1500 nella Capitale.

(Visited 185 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago