Italpress

Con Otovo il fotovoltaico residenziale in acquisto o in affitto

Condividi

MILANO (ITALPRESS) – Otovo, startup norvegese attiva nel settore del fotovoltaico residenziale, punta a conquistare il mercato italiano raggiungendo una quota di mercato del 10% nel prossimo triennio e un fatturato di 100 milioni. L’azienda propone una nuova modalità di approccio: basta inserire il proprio indirizzo di casa sul sito www.otovo.it, fornendo semplici indicazioni come numero di piani dell’edificio, inclinazione del tetto e tipologia di rivestimento. Una volta fatta quest’operazione, si ottiene una prima valutazione di prezzo e si può procedere con la richiesta di un preventivo personalizzato. Otovo provvede a prepararlo e a consegnarlo in 24 ore, trovando l’offerta commerciale più conveniente e l’artigiano che può effettuare la messa in opera.
Il cliente può inoltre scegliere l’acquisto dei pannelli solari oppure l’affitto. E c’è anche la possibilità di comprare, oltre all’impianto fotovoltaico, le batterie per stoccare l’energia prodotta dai pannelli solari che non viene immediatamente consumata. Il modello di business della società permette alle persone di risparmiare denaro, ridurre il consumo di elettricità e contribuire a proteggere l’ambiente. Secondo Fabio Stefanini, general manager di Otovo Italia, “Otovo propone un modello di business dirompente per il settore fotovoltaico. Offre un marketplace digitale che permette d’individuare il miglior rapporto qualità/prezzo nell’installazione di pannelli solari residenziali. Crediamo che la tecnologia possa aiutare le persone a scegliere la propria offerta energetica su misura e contribuire a rendere la società sempre più sostenibile. L’Italia rappresenta un mercato ad alto potenziale, siamo quindi fiduciosi di conquistare un ruolo primario”.
(ITALPRESS).

(Visited 15 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago