Politica

Che fine ha fatto la nuova Commissione Via-Vas nominata da Costa?

Condividi

Commissione. Lo scorso 28 agosto, il Ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, annunciava la nascita della nuova commissione Via-Vas.

Il decreto di nomina dei 40 Commissari che hanno il delicato compito di valutare l’impatto ambientale e dunque far procedere o bloccare i progetti strategici e le grandi opere di competenza statale, era stato firmato nello stesso giorno delle dimissioni di Giuseppe Conte e della fine del governo 5 Stelle-Lega.

Da quel giorno, i nuovi commissari che Costa aveva definito “pronti a entrare in azione” non si sono nemmeno insediati.

La Commissione è ancora gestita dai vecchi commissari, scelti dalla ministra di Forza Italia Stefania Prestigiacomo nel 2008.

Ma la loro nomina è scaduta nel luglio del 2014, superando di gran lunga la durata massima di otto anni prevista dalla legge.

Nonostante questo, continuano ad approvare i tanti progetti in attesa, da ultimo qualche giorno fa anche la delicata variante al gasdotto Tap che mette a rischio i fondali marini davanti alla Puglia.

Giappone, il Ministro dell’ Ambiente Koizumi: “Il paese deve liberarsi dalla dipendenza dal carbone”

La nuova Commissione, selezionata direttamente da Costa (40 membri su 1.200 candidati) sta infatti affrontando un vero e proprio percorso ad ostacoli.

Sia nel maggio 2015 e che nel febbraio 2018, il precedente ministro dell’ambiente, Gianluca Galletti, aveva provato a rinnovare i commissari, ma per due volte la Corte dei Conti aveva negato il visto di legittimità ai decreti di nomina.

Il decreto ministeriale di Costa del 20 agosto scorso non è stato neanche trasmesso, assieme alle accettazioni dell’incarico, alla Corte dei Conti.

Questo vuol dire che non è stato né registrato né pubblicato sulla Gazzetta ufficiale: è quindi privo di effetti.

Fonti vicine al Ministero, parlano di ritardi legati a un passaggio di consegne nella direzione del personale.

“La direzione generale sta verificando che non vi siano situazioni di effettivo conflitto di interessi rispetto ad incarichi ricevuti da soggetti privati negli ultimi tre anni” – è la spiegazione ufficiale che arriva dagli uffici del ministro.

Ma l’avviso pubblico del novembre 2018 prevedeva un periodo più breve, due anni, di “assenza di rapporti di consulenza o collaborazione con soggetti giuridici destinatari di atti autorizzativi emanati a seguito di provvedimenti di Via-Vas”.

Ambiente, Sergio Costa: “A ottobre in Italia la prima Cop dei giovani, abbiamo già invitato Greta”

Non era invece previsto altrettanto rigore per il comitato istruttorio che ha selezionato i curricula dei candidati.

Il presidente di questo comitato, il professor Gabriele Scarascia Mugnozza – si legge nel sito dell’Università La Sapienza  – “è stato o è attualmente consulente di società ed enti quali Eni, Acea, Terna, Anas”.

In ogni caso l’assenza di conflitto di interessi o di precedenti penali per i commissari è stata autocertificata da tutti i nominati. Probabilmente in maniera insincera perché, a domanda, gli uffici del ministro rispondono che “sono emerse in fase di controllo alcune dichiarazioni apparentemente mendaci di alcuni commissari. Di conseguenza si è ritenuto di dover procedere a verificare tutti casellari giudiziari di tutti i componenti per accertare che non vi siano effettivamente situazioni problematiche”.

Educazione ambientale: al via i progetti Minambiente nelle scuole dei Sin

I Commissari potrebbero aver mentito sui loro precedenti penali. Quando a escluderli basterebbe un rinvio a giudizio per reati contro la pubblica amministrazione. Il problema è che questi singoli sospetti stanno bloccando l’intera commissione. Così come la sta bloccando la mancata nomina del presidente, da scegliere tra i 40 commissari. Sempre dal ministero garantiscono che il ministro ha in realtà già individuato chi dovrà guidare la commissione. Eppure il decreto di nomina ancora non si vede.

Tra i commissari scelti da Costa ce ne sono alcuni che non brillano per trascorsi ambientalisti né per particolari competenze in materie ambientali. Ma, come abbiamo già scritto il 30 agosto, risaltano per la vicinanza politica alla Lega, quando non addirittura a CasaPound. Malgrado le nomine siano state fatte dal ministro, grillino, successivamente alla rottura tra 5 Stelle e Lega, anzi nel giorno in cui da quella rottura era scaturita la fine del governo gialloverde. Ora queste nomine politicamente ingombranti, come quelle di tutti gli altri commissari, sono sospese in attesa della Corte dei Conti. E a valutare l’impatto ambientale pensa ancora la commissione Prestigiacomo del 2008.

(Visited 151 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago