Breaking News

GOVERNO, ARRIVA LA COMMISSIONE SPECIALE MA NON SI OCCUPERA’ DI LEGGE ELETTORALE

Condividi

Governo, arriva la Commissione Speciale ma non si occuperà di Legge elettorale. Inizierà giovedì il secondo giro di consultazioni convocato dal Quirinale.

Inizieranno i partiti e si chiuderà con le alte cariche istituzionali.

Ad incontrare per primi il Capo dello Stato sarà il Gruppo “Per le Autonomie (SVP-PATT, UV)” del Senato della Repubblica.

Seguiranno il Gruppo Misto del Senato e poi quello della Camera dei Deputati, la delegazione di Liberi e Uguali e poi quella del Partito Democratico.

Il centrodestra, come annunciato, si presenterà unito. Chiuderà la giornata il MoVimento 5 Stelle.

Venerdì invece, sarà il turno del Presidente Emerito della Repubblica, Giorgio Napolitano, del Presidente della Camera dei Deputati, Roberto Fico e del Presidente del Senato della Repubblica, Maria Elisabetta Alberti Casellati.

“Capisco che ci sono delle dinamiche interne alla coalizione di centrodestra e del Pd. Avremo bisogno di tempo per vederne l’evoluzione” – ha detto il leader del M5s Luigi Di Maio.

Il segretario della Lega Matteo Salvini ribadisce la volontà di dialogo: “Se Di Maio mi chiama rispondo”.

Dal Partito Democratico, Michele Emiliano spinge per un accordo con i cinquestelle: “Martina incontri Di Maio, stabiliscano i punti di governo e facciano il governo. Lo devono fare, non c’è nessuna alternativa” – dice.

Intanto alla Camera dei Deputati si gioca un’altra partita, quella della Commissione Speciale.

Sono tante le scadenze ed i provvedimenti su cui le Camere devo pronunciarsi, dal Def ai decreti legislativi sulla riforma delle carceri, ed il Parlamento non può stare fermo in attesa che venga formato il nuovo Governo.

Qui entra in scena la Commissione speciale, una rappresentazione proporzionale di tutti i Gruppi parlamentari, che dovrà esaminare tutti gli atti del Governo dimissionario.

In linea generale, il lavoro della Commissione Speciale ha una durata di poche settimane, ma se lo stallo tra le forze politiche dovesse prolungarsi, potrebbe restare in carica per mesi.

Al Senato, è già stata costituita: 27 componenti (9 membri del Movimento 5 stelle,5 quelli di Forza Italia, 5 della Lega, 4 del Pd, 2 di Fdi, 1 senatore di Leu e uno delle Autonomie).

E l’ufficio di presidenza è così costituito: presidente Vito Crimi del M5s; vice presidenti i senatori Erica Rivolta (Lega) e Giacomo Caliendo (Fi); segretari Simona Malpezzi (Pd) e Giovanbattista Fazzolari (Fdi). 

La commissione speciale della Camera è invece composta da 40 deputati: 15 Commissari saranno espressi dal M5S, otto dalla Lega, sette dal Pd ed altri 7 da Fi, due da Fdi, uno dal Misto ed uno da Leu.

La prima riunione è convocata per giovedì 12 aprile alle ore 11:00, in cui verrà eletto il presidente.

La Commissione si occuperà dell’esame del Def, qualora il Governo lo presenti ed una serie di provvedimenti urgenti.

Esclusi, i decreti legislativi sulle carceri e sulla riforma dell’ordinamento penitenziario. La conferenza dei Capigruppo di Montecitorio ha deciso infatti che questi provvedimenti andranno esaminati dalla commissione Giustizia non appena verrà costituita.

Respinta invece la proposta di Fratelli d’Italia di far modificare alla Commissione speciale la legge elettorale per introdurre un premio di maggioranza.

“Pd e Leu l’hanno ritenuto inopportuna la proposta – ha affermato Fabio Rampelli – e anche il M5S ha fatto dei rilievi”.

(Visited 145 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago