Cultura

COLOSSEO, DOPO 40 ANNI TORNA LA VISTA MOZZAFIATO SULLA CITTA’

Condividi

Di Giammarco Spirito. Roma. Dopo quarant’anni di attesa riaprono al pubblico il IV e il V livello del Colosseo. Inaugurati questa mattina dal ministro dei Beni e delle Attività culturali, Dario Franceschini, questi livelli sono posizionati a circa quaranta metri di altezza rispetto al piano dell’arena, regalando ai visitatori una vista spettacolare su Roma soprattutto dalla terrazza del V livello. Dal 1 novembre saranno aperti al pubblico. Si potranno organizzare, prenotandosi attraverso il sito www.coopculture.it , delle visite guidate per gruppi però di massimo 25 persone, per motivi di sicurezza.

Storicamente il V livello era destinato alla plebe, la parte più povera della popolazione. Non permetteva una vista dettagliata di quanto accadesse nell’arena ma, in compenso, era provvista di una tettoria che riparava la popolazione dal sole e dalla pioggia. Il IV invece ai commercianti e alla piccola borghesia.

E’ una giornata importante” – ha dichiarato durate la visita organizzata per la stampa Franceschini – “ a seguito di un grande restauro riapriamo i piani alti dell’Anfiteatro Flavio”. Ma non finisce qua l’opera di valorizzazione del monumento, ci sono ancora dei progetti in fase di sviluppo: “Il percorso di valorizzazione del monumento va avanti e proseguirà con il progetto di ricostruzione dell’Arena, che è stato già finanziato, che sta procedendo e che renderà ancora più spettacolare la visita di questo monumento, simbolo dell’Italia nel mondo“.  Gli fa eco il direttore del Colosseo Rossella Rea: “ A breve inizieranno i lavori di restauro dei sotterranei. Per questi interventi sono stati stanziati circa 5 milioni e dovrebbero durare un anno e mezzo. Al termine di questi lavori penseremo alla ricostruzione dell’arena”.

Ottime notizie quindi per il Colosseo e per i visitatori che ogni giorno sono in coda per ammirare una delle sette meraviglie al mondo. Gli atti vandalici, che lo hanno visto purtroppo come protagonista nei mesi scorsi, sono solo un brutto ricordo.

(Visited 60 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago