InquinamentoRifiuti

I Coldplay si uniscono alla missione di Ocean Cleanup per liberare gli oceani dalla plastica

Condividi

La collaborazione tra Ocean Cleanup e Coldplay aiuta a compiere un altro passo significativo per ripulire dalla plastica i 1000 fiumi più inquinanti del mondo.

Il gruppo musicale Coldplay prende parte alla missione per liberare gli oceani dalla plastica di The Ocean Cleanup attraverso la sponsorizzazione di un Interceptor.

Interceptor 005, o Neon Moon 1, sarà distribuito in Malesia quest’anno ed è la prima implementazione del design di terza generazione. La collaborazione tra Ocean Cleanup e Coldplay aiuta a compiere un altro passo significativo nell’affrontare i 1000 fiumi più inquinanti del mondo.

The Ocean Cleanup, arrivano gli occhiali da sole realizzati con i rifiuti dell’isola di plastica nel Pacifico

“Senza azione potrebbe esserci più plastica che pesce negli oceani entro il 2050, motivo per cui il lavoro di The Ocean Cleanup è così vitale. Siamo orgogliosi di sponsorizzare Interceptor 005 – noto anche come Neon Moon 1 – che raccoglierà migliaia di tonnellate di rifiuti prima che raggiungano l’oceano “, affermano i Coldplay.

Dal 2019, The Ocean Cleanup ha annunciato soluzioni Interceptor per corsi d’acqua fortemente inquinanti in paesi di tutto il mondo, tra cui Indonesia, Malesia, Repubblica Dominicana, Vietnam, Stati Uniti, Giamaica e Thailandia.

The Ocean Cleanup può davvero pulire i fiumi più inquinati del mondo? VIDEO

Neon Moon 1 è attualmente in costruzione presso lo stabilimento MHE-Demag di Konecranes in Malesia. Questo è uno dei primi due Interceptor prodotti per la produzione in serie. L’interceptor 005 dovrebbe essere completato nella tarda primavera del 2021 e subito dopo essere schierato in Malesia. Lavorando insieme ai partner locali, The Ocean Cleanup garantirà che Interceptor 005 sia installato in una posizione ottimale per rimuovere grandi quantità di rifiuti dai fiumi.

(Visited 149 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago