AnimaliAttualità

Migliaia di Coccinelle invadono le rocce del Molise VIDEO

Condividi

È diventato subito il virale il video ‘dell’assembramento’ di coccinelle trovate sulla Montagnola di Civitanova del Sannio (Isernia), in Molise. Nei giorni scorsi, Nicola Ricci, ex Guardia Forestale si trovava nel punto più alto della località, quando tra pietre e rocce si è trovato davanti ad una suggestiva scena, che prontamente ha ripreso con il cellulare.

“Ho ricordato quanto mi disse un amico tanti anni fa, quando ne vide 5 volte di più e rimase affascinato – racconta Ricci – e per questo ho filmato, chiamandolo e lui si è precipitato per vedere ancora questo spettacolo meraviglioso e raro“.

Save Ralph, il documentario per dire stop ai test sugli animali per la produzione di cosmetici

Un fenomeno, hanno spiegato gli esperti, che le coccinelle sono solite fare dopo essere state in letargo. Si riuniscono in grandi aggregazioni, riparandosi principalmente tra anfratti rocciosi ed in altura per prepararsi a tornare sulle piante a svolgere il loro ruolo fondamentale per la natura: cibarsi di afidi e parassiti che minacciano la flora.

Petizione #SubitoAmbienteInCostituzione, Pecoraro Scanio: “Anche tutela animali in Costituzione. 30.000 cittadini firmano e da senatori passo avanti”

Il filmato ripreso da Nicola ricci, spiegano ancora, potrebbe essere proprio il momento del risveglio e dell’uscita dal rifugio invernale.

(Visited 34 times, 2 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago