BiodiversitàInquinamentoTerra

Animali, lo straziante video di un cobra soffocato da una bottiglia di plastica

Condividi

Il mondo animale è quello che più di tutti sta soffrendo gli effetti della plastica. Lo dimostra questo video di un serpente alle prese con una bottiglietta.

Il video risale a due anni fa ma negli ultimi giorni è ricomparso sul web superando le 29,000 visualizzazioni.  Questo video mostra gli effetti della plastica su un cobra ed è stato condiviso da Parveen Kaswan, un utente del social network Twitter. Nel filmato di 48 secondi si vede un serpente con la pancia gonfia dovuta all’ingerimento di qualcosa di insolito.

Il livello dell’inquinamento della plastica nel mondo ha raggiunto effetti allarmanti e l’impatto sulla natura è devastante. Il regno animale è tra i più colpiti perché molte creature non sono in grado di fare differenza tra il cibo vero e gli oggetti di plastica.

Mediterraneo, quasi 50.000 esemplari di 116 specie diverse hanno ingerito plastica

L’oggetto inizia a muoversi nel suo stomaco fin quando il cobra, apparentemente straziato dal dolore, non rigurgita la bottiglia verde di plastica. “Quando si tratta di plastica non c’è niente che sia peggiore del gettarla nell’ambiente. Ecco come la plastica monouso come le bottiglie di plastica mette a rischio la fauna” ha scritto Kaswan nel post su Twitter.

Animali, capodoglio ritrovato con di plastica nello stomaco

Parlando del serpente in un altro post Kaswan ha spiegato: “E’ un cobra, è in grado di rigurgitare quello che ha ingerito. Altri animali non sarebbero stati in grado di farlo e sarebbero morti”.

(Visited 98 times, 6 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago