Clima. Il Consiglio dell’Unione europea  ha dato via libera al taglio delle emissioni Co2 per auto e furgoni. “Una giornata importante nel percorso di lotta contro i cambiamenti climatici e siamo soddisfatti del contributo fondamentale dato dall’Italia”, Sergio Costa, Ministro dell’Ambiente.

Emissioni CO2, centrali a carbone e aerei i più inquinanti. Dati UE

L’idrogeno come chiave di un futuro a base emissioni

Il Consiglio Ue ha adottato le nuove norme sulle emissioni di biossido di carbonio per le auto e i veicoli commerciali leggeri. Obiettivo del regolamento è fare in modo che, dal 2030, le auto e i furgoni nuovi generino in media, rispettivamente, emissioni di CO2 inferiori del 37,5% e del 31% di rispetto ai livelli del 2021. Tra il 2025 e il 2029 autovetture e furgoni dovranno generare emissioni di CO2 inferiori del 15%. Si tratta di obiettivi per l’intero parco veicoli Ue. L’impegno di riduzione delle emissioni sarà distribuito tra i costruttori sulla base della massa media del loro parco automobilistico.

Spostamenti a emissioni zero, in crescita la mobilità ecologica

Emissioni auto, intesa del consiglio ambiente su taglio 35%

“Oggi è una giornata importante nel percorso intrapreso con convinzione, dal nostro Paese e dall’Europa, di lotta ai cambiamenti climatici: l’Unione ha infatti detto sì, in via definitiva, alle nuove norme sulle emissioni di biossido di carbonio per le auto e i veicoli commerciali leggeri, e siamo soddisfatti del contributo fondamentale dato dall’Italia, che si è impegnata fortemente affinché venissero messi nero su bianco obiettivi più ambiziosi. Siamo felici di esserci riusciti”, commenta il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa.

 

Articolo precedentePFAS nel sangue, raddoppiato il numero di veneti avvelenati
Articolo successivoRifiuti, traffico illecito di oltre 11 mila tonnellate di materiali speciali