Clima

Clima, la tempesta Ciara colpisce l’Europa: voli e treni cancellati in tutto il continente

Condividi

La tempesta Ciara si sta abbattendo sull’Europa, causando cancellazioni e ritardi. Un uomo è morto in Svezia dopo che una raffica di vento ha ribaltato la sua barca.

La tempesta Ciara sta creando problemi ai viaggiatori, sconvolgendo i piani dei pendolari e lasciando a terra centinaia di voli in tutta Europa. Le raffiche di vento hanno raggiunto i 180 Km/h, causando inondazioni e l’annullamento di eventi sportivi.

Clima, la “Venezia d’Africa” rischia di essere sommersa dall’oceano

Un uomo è morto ed un altro risulta scomparso nel sud della Svezia da quando la loro barca si è ribaltata mentre tre persone in Germania sono rimaste ferite gravemente dopo essere state colpite dalla caduta di alberi e di rami. Un uomo è stato colpito da un albero quando il vento ha raggiunto i 180 km/h sul monte Snezka in Repubblica Ceca. In parti del nord della Francia è stata dichiarata l’allerta e 130,000 case sono rimaste senza corrente.

Altri 220 voli sono stati cancellati nella mattinata di lunedì all’aeroporto di Schipol ad Amsterdam, il terzo più trafficato d’Europa, dopo che 240 voli erano già stati cancellati domenica. La tempesta ha lasciato 100,000 persone senza energia e ribaltato un camion mentre i parchi eolici sulle coste del Belgio sono stati chiusi quando le raffiche di vento hanno costretto allo stop delle turbine per ragioni di sicurezza. Come ha spiegato Achin Stauss, portavoce di Deutsche Bahnla tempesta era così forte che siamo stati costretti ad interrompere i treni in tutta la Germania”. L’interruzione in Germania è iniziata domenica mattina quando più di cento voli nelle tre città più grandi sono stati cancellati.

Venezia, lastre di vetro per proteggere la Basilica San Marco dall’acqua alta

Il Regno Unito ha iniziato le operazioni di pulizia dopo essere andato incontro ad una delle tempeste più distruttive degli ultimi anni. “La tempesta Ciara si sta allontanando ma questo non vuol dire che stiamo andando incontro a condizioni metereologiche migliori. Le bufere di neve non sono da escludere” ha avvertito Alex Burkill dell’ufficio meteorologico. La raffica di vento più forte ha raggiunto i 150 km/h e colpito il villaggio gallese di Aberdaron mentre 15 cm di pioggia sono caduti in meno di 24 ore nel nord-ovest dell’Inghilterra.

Le città di Hebden Bridge e Mytholmroyd nello Yorkshire sono state le più colpite dalla tempesta. Decine di migliaia di abitazioni sono rimaste senza corrente mentre le strade completamente allegate. I danni maggiori sono stati riportati sulle coste e il servizio di traghetti nel Canale della Manica è stato sospeso. Il match di Premier League tra Manchester City e West Ham è stato rinviato a causa “delle condizioni metereologiche estreme”, stessa sorte che ha colpito l’intera giornata calcistica della Women’s Super League e l’incontro di rugby della Women Six Nations tra Scozia e Inghilterra.

Clima, non solo Venezia. Il nord dell’Inghilterra è completamente sommerso

La tempesta ha permesso al volo della British Airways da Londra a New York di percorrere la tratta nel tempo record di 4 ore e 56 minuti secondo il sito di monitoraggio Flightradar24. Un uomo inglese in costume da bagno ha sfidato il meteo con una corsa di beneficienza da Lands End nel sud dell’Inghilterra fino a John o’Groats, nord della Scozia.

(Visited 128 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago