Clima, sciopero globale il 15 marzo per fermare il cambiamento climatico

Clima. Ci restano solo 12 anni per invertire la rotta e fermare i cambiamenti climatici. “Non abbiamo a disposizione un pianeta B”, la voce dei giovani, le future generazioni che hanno deciso di scendere in piazza il 15 marzo per uno sciopero mondiale studentesco.  La protesta nasce dalla giovane attivista svedese Greta Thunberg e in poco tempo ha coinvolto giovani e studenti di tutto il mondo.

La dichiarazione del panel delle Nazioni unite sul riscaldamento globale dice che ci restano 12 anni prima di superare i fatidici 1,5 gradi, con cambiamenti in tutto l’ecosistema totalmente irreversibili. Non solo i cambiamenti climatici ma anche l’inquinamento: ogni giorno circa il 93% dei bambini di età inferiore ai 15 anni (1,8 miliardi di bambini) respira aria così inquinata da mettere a serio rischio la propria salute e il proprio sviluppo (dati Oms).

Il prossimo 15 marzo è stato indetto uno sciopero mondiale studentesco per chiedere ai governi di dare prova dei loro impegni per una transizione ambientale equa tra ricchi e poveri.  “Non c’è un pianeta B”, “state distruggendo il nostro futuro”, si legge sui cartelli dei giovani e dei bambini.

Appello Luca Mercalli – Sciopero per il clima 15 marzo

Appello Massimo Wertmuller  – Sciopero per il clima  15 marzo

Una protesta nata a partire dalla piccola Greta Thunberg, 16enne svedese che da settembre ogni venerdì mattina sciopera davanti al Parlamento svedese, rendendola  celebre al punto da essere invitata nelle grandi conferenze internazionali, dalla Conferenza mondiale sul clima a Katowice, Polonia, al Forum economico di Davos, in Svizzera, al Comitato economico e sociale europeo a Bruxelles.

Clima, Greta Thunberg sfida Juncker ed i leader Ue: “agite in fretta”

Chi è Greta Thunberg? La storia della giovane attivista

In Francia Greta e i suoi giovani amici sono stati ricevuti dalla sindaca di Parigi Anne Hidalgo, che da tempo cerca di limitare la circolazione delle auto nella capitale. Anche il ministro dell’Ambiente, François de Rugy, ha sostenuto la protesta: “Preferisco avere dei manifestanti fuori dal mio ministero che protestano dicendo che non stiamo facendo abbastanza – il che è esattamente ciò che penso – che gente che dice fermiamoci, stiamo andando troppo veloci e troppo avanti”.

Clima, l’appello degli ecologisti: “Non c’è un pianeta b”

Dalle ore 11:00 alle 14:00 a Roma appuntamento in Piazza Madonna di Loreto.

EVENTO FACEBOOK – 15M – Global Climate Strike for Future

Altre manifestazioni in programma per il mese di marzo.

Clima, in marcia a Roma il 23 marzo. Siamo ancora in tempo  

(Visited 2281 times, 1 visits today)

Leggi anche

Diretta Live
Diventa Green!