AnimaliClima

Clima, lo scioglimento dei ghiacci sta portando ad un aumento del cannibalismo tra gli orsi

Condividi

Secondo gli scienziati lo scioglimento dei ghiacci sta compromettendo l’abilità degli orsi polari di cacciare, costringendoli ad atti di cannibalismo.

I casi di cannibalismo tra gli orsi polari sono in aumento a causa dello scioglimento dei ghiacci e delle attività umane che mettono a rischio i loro habitat. “I casi di cannibalismo tra gli orsi polari non sono una novità, ma solitamente sono un fenomeno molto raro. Siamo preoccupati perché ultimamente stanno avvenendo con sempre più frequenza” ha spiegato Ilya Mordvintsev, esperta di orsi polari e ricercatrice del Severtsov Institute of Problems of Ecology and Evolution di Mosca.

Artide, l’ ecosistema sta mutando prima del previsto per via della crisi climatica

Parlando ad una presentazione a San Pietroburgo, Mordvintsev ha spiegato che questo comportamento potrebbe derivare da una mancanza di cibo: “In alcune stagioni, mancando il cibo, i maschi attaccano le femmine e i cuccioli per sopravvivere”. L’aumento dei casi potrebbe anche essere dovuto ad avvistamenti sempre più frequenti derivanti dall’aumento di persone che lavorano nell’Artide: “Prima solo gli scienziati erano in grado di fornire informazioni. Ora il numero di abitanti di queste aree è cresciuto a causa dello sviluppo dell’industria petrolifera e delle operazioni militari”.

Animali, gli orsi polari stanno soffrendo gli effetti dei cambiamenti climatici

Quest’inverno l’area del Golfo di Ob, dove solitamente gli orsi polari cacciano, è stata trasformata in una rotta per le navi che trasportano gas naturale liquefatto (GNL). “Il golfo di Ob è sempre stato terreno di caccia per gli orsi. Ora è senza ghiaccio” ha spiegato Mordvintsev, collegando lo scioglimento dei ghiaccio alle estrazioni di gas nella penisola di Yamal di fronte al golfo.

La Russia, già tra i maggiori esportatori di gas e petrolio al mondo, vuole sviluppare la sua produzione di GNL nell’Artico, avendo anche già migliorato le strutture militari nell’area. Un altro scienziato russo, Vladimir Sokolov, che ha condotto numerose spedizioni, ha spiegato che quest’anno gli orsi polari hanno sofferto maggiormente l’impatto delle temperature elevate sull’Isola di Spitsbergen  nell’arcipelago Svalbard in Norvegia.

Russia, un villaggio alle prese con un’invasione di orsi polari

I ricercatori russi hanno registrato un aumento degli orsi polari che si sono mossi dai soliti terreni di caccia a causa dello scioglimento dei ghiacci. Negli ultimi 25 anni il livello del ghiaccio nell’Artide è sceso del 40%. Secondo Sokolov gli orsi cacceranno meno sul ghiaccio marino e saranno costretti a vivere nelle coste degli arcipelaghi a latitudini più alte. I cittadini russi che vivono negli insediamenti artici sono in allerta a causa delle decine di avvistamenti di orsi polari, entrati nei villaggi in cerca di cibo tra i rifiuti.

(Visited 66 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago