Lotta climatica, Sara: “Fridays for Future per la parità di genere”

164
0

“Ci sono molte connessioni tra lotta climatica e lotta alla disparità di genere”. Così Sara Sessa, attivista di Fridays For Future Roma commenta la partecipazione al corteo femminista dell’8 marzo da parte dell’organizzazione ambientalista.

In vista del prossimo sciopero globale per il clima del 25 marzo, continuiamo a conoscere più da vicino gli attivisti che animano il movimento Fridays For Future.

Fridays For Future, iniziati i preparativi per lo sciopero del 25 marzo

La prima questione è quella del lavoro non riconosciuto: non stiamo riconoscendo il lavoro che per milioni di anni ha sfruttato la terra, allo stesso modo abbiamo un debito nei confronti delle donne che per migliaia di anni si sono occupate della sfera domestica, della cura della società e della riproduzione, tutto lavoro non riconosciuto, infatti, ancora oggi le donne vengono pagate molto meno degli uomini nell’ambiente lavorativo. Il tasso di disoccupazione femminile è ancora molto alto. Le soluzioni della crisi climatica possono essere condivise con la questione di genere perché anche garantire un salario minimo o ridurre l’orario di lavoro, per consentire anche a chi si occupa della casa di avere più tempo libero, sono soluzioni che vanno a vantaggio di entrambe le lotte”.

Crisi climatica, da oltre 100 giorni lo “sciopero per la vita” di Geo

 

Articolo precedenteTrenitalia, ecco Blues: il primo treno ibrido a tripla alimentazione
Articolo successivoDonne ucraine in guerra: “Proteggeremo il nostro Paese”. Il video