Clima. Il clima cambia. E anche i mari diventeranno sempre piu’ caldi. Che cosa succedera’ alle praterie di posidonia o ai coralli fra ottanta anni? E, soprattutto, la vegetazione subacquea sapra’ resistere allo sbalzo di temperatura?

Sono alcune delle domande a cui dovra’ rispondere il progetto Mahres (Marine habitats restoration in a climate change-impaired Mediterranean sea), uno studio che coinvolge gli atenei di Cagliari, Sassari e Palermo e il Cnr, finanziato con 800mila euro dal Miur e dal parternariato, e che prevede proprio una simulazione del riscaldamento del mare nel 2100.

“Mahres nasce dalla consapevolezza che gli impatti del cambiamento climatico sono sinergicamente esacerbati dall’uso umano della natura – spiega Antonio Pusceddu, coordinamento del team e ordinario di Ecologia-Disva, dipartimento Scienze della vita e dell’ambiente dell’ateneo di Cagliari – Si rende cosi’ necessario identificare soluzioni per contrastare o adattarsi al cambiamento climatico in diversi contesti di disturbo umano”.

Il progetto cercherà di dare delle risposte e di fornire indicazioni per le contromisure. La ricerca partirà a breve e avrà durata triennale per concludersi nel 2022.

Con gli studiosi del Disva guidati dal professor Pusceddu (il ricercatore Alessandro Cau e il borsista di ricerca, Davide Moccia) operano i team di Giulia Ceccherelli (Università di Sassari), Gianluca Sara’ (Universita’ di Palermo) e Simone Mirto (Cnr, Palermo).

Attraverso analisi sistematiche, esperimenti in campo e in laboratorio e con l’uso di modelli, il progetto indagherà sulla validità del ripristino di alcuni habitat mediterranei.

Ad esempio, praterie di posidonia oceanica e bio-concrezioni coralligene, in condizioni che simuleranno il riscaldamento del mare previsto entro il 2100 e le conseguenze associate.

“L’obiettivo finale – sottolinea Pusceddu – è quello di identificare nuove informazioni sull’efficacia delle pratiche di restauro ecologico da impiegare per favorire la resilienza degli ecosistemi marini al cambiamento climatico“.

Articolo precedenteWeekend Roma, tutti gli eventi nella capitale
Articolo successivoEcotassa ed ecobonus, come funziona e quali sono le auto che pagheranno. Novità dal 1 marzo 2019