Home Attualità Clima, ecco il report sui rischi per l’umanità a causa del riscaldamento...

Clima, ecco il report sui rischi per l’umanità a causa del riscaldamento globale VIDEO

L’ultimo report di Goldman Sachs avverte dei rischi che correrà l’umanità a causa del riscaldamento globale. Disastri metereologici e carestie cambieranno la vita sul nostro pianeta.

Il Global Markets Insitute di Goldman Sachs, guidato da Amanda Hindlian, ha prodotto un report in cui avverte dei rischi a cui saranno sottoposte le città più grandi del mondo, che sono maggiormente vulnerabili alle tempeste, alle temperature più alte, all’innalzamento dei mari e alle inondazioni, tutti causati da un aumento delle temperature che ha come unico responsabile l’attività umana.

Cambiamenti climatici, ecco perché stiamo perdendo la sfida

“Le città generano all’incirca l’80% del PIL mondiale e sono la casa di più di metà della popolazione mondiale. Secondo le Nazioni Unite entro il 2050 ospiteranno i due terzi della popolazione. Circa il 40% vive a meno di 100 km dalla costa e una persona su dieci vive in aree che sono a meno di dieci metri sopra il livello del mare”. Goldman Sachs ha sottolineato tre città che potrebbero essere soggette a mareggiate e inondazioni: New York, Tokyo e Lagos. Il report cita anche altre città a rischio come Miami, Alessandria d’Egitto, Dhaka e Shangai.

Cambiamenti climatici, 40 miliardi di euro la stima dei rischi per le aziende

Secondo i ricercatori l’ecosistema naturale sarà compromesso, la salute umana minacciata e le forniture di cibo ed acqua saranno messe a dura prova. Ad esempio, l’agricoltura sarà fortemente danneggiata dal momento che “le temperature più calde e dei cambiamenti nelle piogge potrebbero ridurre il rendimento e la qualità dei prodotti alimentari come rivoluzionare le stagioni e le zone di coltura in tutto il mondo”.

 

Goldman Sachs ha dato alcuni avvertimenti sui potenziali pericoli:

  • Più frequenti, lunghe ed intense ondate di caldo: colpiranno la salute umana, la produttività, l’attività economica e l’agricoltura. “Le alte temperature in superficie causeranno lo scioglimento del ghiaccio e rilasceranno metano e CO2 nell’atmosfera”.
  • Eventi metereologici catastrofici come tempeste, uragani, inondazioni e incendi: “non preoccupa solamente New York, Tokyo e Lagos ma riguarda anche le altre città che vivono sulla costa o che sono soggette a inondazioni come Shangai, Dhaka, Mumbai e Karachi, ognuna delle quali ha almeno 15 milioni di abitanti.
  • Cambiamento delle malattie: secondo i ricercatori l’aumento delle temperature potrebbe causare la migrazione delle malattie dai tropici a regioni dove le persone hanno sistemi immunitari più deboli; questo potrebbe accadere non solo per virus come la malaria ma anche per malattie che vengono contratte dall’acqua o dal cibo.
  • Cambiamento nel modello agricolo e carenza di cibo. “Le provviste potrebbero essere colpite dalle alte temperature e dalla carenza d’acqua. L’acidifcazione degli oceani metterà a rischio la fauna marina e i modelli di pesca esistenti. Alcuni di questi cambiamenti stanno già avvenendo. Gli scienziati stimano che la barriera corallina si estinguerà a causa dell’acidificazione degli oceani.
  • Acqua: “Metà della popolazione mondiale soffrirà la scarsita d’acqua a partire dal 2025” si legge nel report che richiama i dati dell’OMS. Anche nelle aree non a rischio, la qualità dell’acqua peggiorerà. Queste dinamiche potrebbero colpire ogni cosa, dalla disponibilità di acqua potabile, ad una carenza di acqua per il bestiame e le culture fino ad una diminuzione di acqua per le centrali idroelettriche.

Clima, l’Africa sarà il continente più colpito dai cambiamenti climatici

Previous articleFoie gras da cellule staminali, in vendita tra massimo cinque anni
Next articleInquinamento, in Messico un cartellone pubblicitario che assorbe lo smog