Attualità

Clima, ecco il report sui rischi per l’umanità a causa del riscaldamento globale VIDEO

Condividi

L’ultimo report di Goldman Sachs avverte dei rischi che correrà l’umanità a causa del riscaldamento globale. Disastri metereologici e carestie cambieranno la vita sul nostro pianeta.

Il Global Markets Insitute di Goldman Sachs, guidato da Amanda Hindlian, ha prodotto un report in cui avverte dei rischi a cui saranno sottoposte le città più grandi del mondo, che sono maggiormente vulnerabili alle tempeste, alle temperature più alte, all’innalzamento dei mari e alle inondazioni, tutti causati da un aumento delle temperature che ha come unico responsabile l’attività umana.

Cambiamenti climatici, ecco perché stiamo perdendo la sfida

“Le città generano all’incirca l’80% del PIL mondiale e sono la casa di più di metà della popolazione mondiale. Secondo le Nazioni Unite entro il 2050 ospiteranno i due terzi della popolazione. Circa il 40% vive a meno di 100 km dalla costa e una persona su dieci vive in aree che sono a meno di dieci metri sopra il livello del mare”. Goldman Sachs ha sottolineato tre città che potrebbero essere soggette a mareggiate e inondazioni: New York, Tokyo e Lagos. Il report cita anche altre città a rischio come Miami, Alessandria d’Egitto, Dhaka e Shangai.

Cambiamenti climatici, 40 miliardi di euro la stima dei rischi per le aziende

Secondo i ricercatori l’ecosistema naturale sarà compromesso, la salute umana minacciata e le forniture di cibo ed acqua saranno messe a dura prova. Ad esempio, l’agricoltura sarà fortemente danneggiata dal momento che “le temperature più calde e dei cambiamenti nelle piogge potrebbero ridurre il rendimento e la qualità dei prodotti alimentari come rivoluzionare le stagioni e le zone di coltura in tutto il mondo”.

 

Goldman Sachs ha dato alcuni avvertimenti sui potenziali pericoli:

  • Più frequenti, lunghe ed intense ondate di caldo: colpiranno la salute umana, la produttività, l’attività economica e l’agricoltura. “Le alte temperature in superficie causeranno lo scioglimento del ghiaccio e rilasceranno metano e CO2 nell’atmosfera”.
  • Eventi metereologici catastrofici come tempeste, uragani, inondazioni e incendi: “non preoccupa solamente New York, Tokyo e Lagos ma riguarda anche le altre città che vivono sulla costa o che sono soggette a inondazioni come Shangai, Dhaka, Mumbai e Karachi, ognuna delle quali ha almeno 15 milioni di abitanti.
  • Cambiamento delle malattie: secondo i ricercatori l’aumento delle temperature potrebbe causare la migrazione delle malattie dai tropici a regioni dove le persone hanno sistemi immunitari più deboli; questo potrebbe accadere non solo per virus come la malaria ma anche per malattie che vengono contratte dall’acqua o dal cibo.
  • Cambiamento nel modello agricolo e carenza di cibo. “Le provviste potrebbero essere colpite dalle alte temperature e dalla carenza d’acqua. L’acidifcazione degli oceani metterà a rischio la fauna marina e i modelli di pesca esistenti. Alcuni di questi cambiamenti stanno già avvenendo. Gli scienziati stimano che la barriera corallina si estinguerà a causa dell’acidificazione degli oceani.
  • Acqua: “Metà della popolazione mondiale soffrirà la scarsita d’acqua a partire dal 2025” si legge nel report che richiama i dati dell’OMS. Anche nelle aree non a rischio, la qualità dell’acqua peggiorerà. Queste dinamiche potrebbero colpire ogni cosa, dalla disponibilità di acqua potabile, ad una carenza di acqua per il bestiame e le culture fino ad una diminuzione di acqua per le centrali idroelettriche.

Clima, l’Africa sarà il continente più colpito dai cambiamenti climatici

(Visited 57 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago