Territorio

Clima, a Pechino un Workshop sugli effetti dei cambiamenti climatici sul Terzo Polo

Condividi

Clima. Sarà Pechino ad ospitare il workshop sull’ambiente del Terzo Polo per studiare e trovare soluzioni per combattere gli effetti dei cambiamenti climatici.

Il ‘Terzo Polo‘ è una regione di alta quota che copre l’Altopiano del Qinghai-Tibet e le aree
circostanti, compreso l’Himalaya.

La sua definizione di terzo polo è dovuta alla quantità di neve e ghiacciai che custodisce, che è superiore a ogni altra parte del mondo dopo i Poli Nord e Sud, oltre ad essere la sorgente dei 10 principali fiumi dell’Asia, inclusi il Fiume Azzurro, il Fiume Giallo, l’Indo e il Yarlung Zangbo.

Oggi, questo delicato ambiente è minacciato dal cambiamento del clima.

Clima, lo scioglimento dell’Antartico sta per diventare irreversibile

Recenti studi hanno rilevato un rapido innalzamento delle temperature, una fusione accelerata dei ghiacciai e una riserva squilibrata delle risorse idriche nella regione, con ripercussioni sul sostentamento di milioni di persone.

Proprio per fare il punto sulla situazione, si tiene a Pechino un workshop sull’ambiente del terzo Polo con 40 scienziati provenienti da tutto il mondo, che verterà sui temi delle risorse idriche, degli ecosistemi e delle attività umane nella regione.

Partecipanti provenienti da Germania, Svezia, Nepal, Stati Uniti e altri Paesi condivideranno le loro osservazioni, affronteranno gli impatti locali e forniranno consigli scientifici ai responsabili politici.

Emergenza Climatica, tutte le bugie di Donald Trump

L’evento è stato organizzato dal programma Third Pole Environment (TPE) e dal Pan-Third Pole Environment Change Study for a Green Silk Road (Pan-TPE), che sono stati lanciati dall’Accademia Cinese delle Scienze rispettivamente nel 2009 e 2018.

Per Yao Tandong, presidente del programma TPE, “sono necessari sforzi globali per studiare e trovare soluzioni per combattere gli effetti dei cambiamenti ambientali”.

“La regione – ha detto Yao – è vulnerabile ai cambiamenti ambientali globali. Ciò di cui discutiamo sarà cruciale non solo per la comunità scientifica, ma anche per la società nel suo insieme”.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago