Bufere di neve in Arabia Saudita e Grecia, mentre sbocciano le rose in Gran Bretagna e fioriscono i mandorli in Spagna. Cosa sta succedendo alla nostra Terra?

L’inverno 2020 esordisce con un meteo decisamente anomalo. Ma non c’è da meravigliarsi visto gli eventi estremi che hanno colpito molti paesi nel corso del 2019.

2019, un anno di disastri climatici: l’emergenza non è ancora finita

Mentre sbocciano rose in Gran Bretagna e fioriscono i mandorli in Spagna, bufere di neve imperversano sulla Grecia e l’Arabia Saudita.

Tantissime le testimonianze nelle foto postate sui social media e diffuse dai meteorologi di 3B meteo. “L’anomalia è dovuta ad un vortice polare particolarmente forte che sta accentrando tutto il gelo alle latitudini molto alte“, rileva l’esperto di 3B meteo, Carlo Migliore, riferendosi all’area di bassa pressione che si trova sull’Artico e che è uno dei più importanti regolatori del clima nell’emisfero Nord.

In Arabia Saudita, la neve ha coperto una vasta area di altopiani nella zona di Tabuk, coprendo le montagne di al-Lose, Uklan e Kurra Kariba a Zait, Khurr e Rahib.In condizioni normali, all’interno del vortice polare le correnti si muovono da Ovest verso Est e questo andamento permette all’aria che proviene dall’Atlantico di mitigare il clima in tutta l’Europa. Quando il vortice è molto compatto le temperature nel continente europeo restano miti, ma quando la circolazione delle correnti si inverte allora le correnti fredde del Nord trovano via libera per scendere alle latitudini più basse.

Clima, il 2019 è stato il secondo anno più caldo mai registrato

Nella situazione attuale, invece, “la mancanza di una ondulazione del getto – si rileva su 3B meteo – favorisce la risalita degli anticicloni sub tropicali alle medio alte latitudini“. Le conseguenze sono le temperature che in Gran Bretagna raggiungono 15 gradi, mentre in Canada e in Groenlandia precipitano fino a meno 50 gradi.

Sono definiti invece “episodici“, rilevano i meteorologi, i picchi di freddo che si stanno registrando in questo inizio di gennaio in Paesi tradizionalmente caldi, come Arabia Saudita e Libano.

Cosa sta succedendo alla nostra Terra? Il cambiamento climatico è davanti ai nostri occhi.

Australia, per il governo non esiste un legame tra gli incendi e i cambiamenti climatici

Articolo precedenteEuropa, mille miliardi di euro fino al 2030: ecco il nuovo Green Deal
Articolo successivoInquinamento, attenzione ai diesel: “Anche gli euro 6 oltre i limiti di emissione”