Breaking News

Clima, strumenti italiani nelle missioni Nasa per studiare i cambiamenti climatici

Condividi

Clima. Per studiare i cambiamenti climatici ed osservare nuovi mondi alieni, l’agenzia spaziale degli Stati Uniti ha assegnato alla Thales Alenia Space (Thales – Leonardo) la fornitura per le telecomunicazioni, in particolare dei transponder e degli amplificatori di tubi ad onda progressiva.

La tecnologia italiana volerà nello spazio in entrambe le nuove missioni della Nasa, Pace e Wfirst.

Clima, sciopero globale il 15 marzo per fermare il cambiamento climatico

Promossa dalla divisione Scienze della Terra dell’Agenzia Spaziale per studiare i cambiamenti climatici, la missione Pace (Plankton, Aerosol, Cloud, ocean Ecosystem), è pianificata per il 2022-2023 e dovrà raccogliere misure su oceani e atmosfera, nuvole e aerosol.

Equipaggiato con un telescopio a infrarossi e uno specchio grande come quello del telescopio spaziale Hubble, l’osservatorio Wfirst (Wide Field InfraRed Survey Telescope) ha l’obiettivo di completare il censimento di 2.600 pianeti esterni al Sistema Solare e di rispondere a domande di base sulla presenza della vita oltre la Terra e sull’energia oscura, la forma di energia attualmente sconosciuta responsabile dell’espansione dell’universo e che lo occuperebbe per il 70%.

La missione durerà cinque anni ed il lancio è previsto nel 2025.

Cambiamenti climatici, l’Australia combatte l’effetto serra con un miliardo di alberi

In Spagna la Thales Alenia Space si occuperà di progettazione, analisi, realizzazione, test e consegna dei transponder a banda S, per la trasmissione dei dati di telemetria dai satelliti stazioni di terra; in Belgio fornirà gli amplificatori di tubi a onda progressiva a banda-Ka, per amplificare i segnali di comunicazione utilizzati per scaricare i dati scientifici.

 

(Visited 86 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago