Animali

Clima, manifestanti formano una catena umana nel centro di Bruxelles VIDEO

Condividi

Migliaia di manifestanti hanno formato una catena umana per protestare pacificamente nel centro di Bruxelles e chiedere al governo azioni immediate contro i cambiamenti climatici.


Gli europei hanno più paura del cambiamento climatico che del terrorismo

Migliaia di persone hanno formato una catena umana nella giornata di domenica 8 dicembre a Bruxelles, per attirare l’opinione pubblica e del governo verso il bisogno di azioni urgenti contro i cambiamenti climatici. I partecipanti si sono riuniti alle ore 13 e si sono divisi in due gruppi, diretti al Parlamento belga e al Palazzo Reale. Secondo i dati della polizia circa 2,400 persone hanno preso parte alla manifestazione pacifica, formando delle catene umane per circa 3 km.

Cop25, queste conferenze servono davvero a qualcosa?

La manifestazione, chiamata “United for Climate” si è svolta mentre i delegati di tutto il mondo stanno discutendo al summit sul clima di Madrid le politiche necessarie per fronteggiare i cambiamenti climatici. “Siamo nel bel mezzo del COP25. Il Belgio non ha mai avuto abbastanza ambizioni per rispettare gli accordi di Parigi quindi siamo qui per due ragioni. Vogliamo mostrare la nostra forza, siamo ancora qui dopo aver portato 100,000 persone in piazza a Bruxelles lo scorso anno.

La seconda ragione è che vogliamo spingere i politici a fare delle decisioni. Quello di cui abbiamo bisogno oggi è un governo federale con sufficienti ambizioni per il clima, che parli a voce alta e dichiari apertamente che vogliamo unirci a quei paesi che abbiano un’ ambizione per salvare il pianeta” ha detto Nicolas Van Nuffel. “Lo scopo principale è chiedere al governo federale belga obiettivi più ambiziosi nella lotta ai cambiamenti climatici. Abbiamo bisogno della solidarietà e la cooperazione tra i governi e i politici in tutto il Belgio” ha spiegato Julie Van Houtryve, una portavoce di Climate Coalition che ha organizzato l’evento.

 

Summit sul Clima, ecco i 66 Paesi che hanno dichiarato emissioni zero entro il 2050

L’attivista Marleen de Vry ha raccontato: “sono con i ‘nonni per il clima’ e da circa un anno supportiamo i giovani che manifestano in strada per il clima. Molti hanno riso di loro e molti non li hanno presi seriamente ma non l’abbiamo fatto. Quindi siamo venuti qui per supportarli dall’inizio e siamo ancora qui”. I manifestanti tenevano in mano cartelli e slogan mentre creavano la catena tra cui “Agite adesso”, “l’unico sistema giusto è un ecosistema” e “abbiamo finito gli slogan, fate qualcosa”.

(Visited 53 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago