Territorio

Clima, lezioni online per docenti in vista dello sciopero globale del 27 settembre

Condividi

Clima. In vista del “friday for future” globale del 27 settembre, i docenti delle scuole medie e superiori avranno a disposizione un ciclo di lezioni online sull’emergenza climatica per affrontare la questione con i loro studenti.

De Agostini Scuola, Ente formatore accreditato al ministero e operatore di editoria scolastica che offre appuntamenti formativi ai docenti delle scuole di ogni ordine e grado, organizza un ciclo di “webinar“, lezioni online gratuite, in collaborazione con Italian Climate Network, il movimento italiano per il clima, sul tema del cambiamento climatico a partire dal 24 settembre alle 17 e 30.

Emergenza climatica, consegnate oltre 50mila firme raccolte con la petizione su Change.org

Il ciclo di lezioni, dal titolo “Emergenza clima – Cittadinanza attiva in classe per un presente sostenibile”, in linea con le nuove disposizioni ministeriali sull’introduzione dell’Educazione Civica a scuola, è uno strumento formativo per i docenti della secondaria di I e II grado, per approfondire il tema.

Clima, Federica Gasbarro rappresenterà l’Italia al primo Summit dei giovani

Gli appuntamenti sono 5, l’iscrizione e’ gratuita su  u.deascuola.it/emergenzaclima.

Ogni lezione ha una durata di circa 60 minuti, in cui si può interagire con un esperto in chat e scaricare il “kit” di approfondimenti e attività da utilizzare in classe.

Clima, tornano in piazza gli attivisti di Fridays For Future

L’iniziativa formativa di De Agostini Scuola punta a rispondere sia a uno degli obiettivi dell’Agenda 2030, Climate Action, sia all’appello di Greta Thunberg dello scorso 15 marzo e partecipa alla settimana dedicata al clima che comincia il 20 settembre e si conclude con l’evento mondiale del 27 settembre FridaysForFuture Strike.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago