AttualitàClima

Clima, le isole del Pacifico che rischiano di essere sommerse e di scomparire

Condividi

Clima, l’allerta maggiore riguarda il Pacifico e, in particolare, le Isole Salomone. Questo arcipelago, pur producendo lo 0,001% dei gas serra globali, è il più a rischio per l’innalzamento del livello del mare.

Il cambiamento climatico rischia di creare nuove ‘Atlantidi’. L’allerta maggiore riguarda il Pacifico e, in particolare, le Isole Salomone. Questo Stato insulare, composto da sei grandi isole e altre 992 isole minori, produce meno dello 0,001% dei gas serra a livello globale, ma è uno dei territori più a rischio. A minacciare l’esistenza di molte delle isole dell’arcipelago è l’innalzamento del livello del mare causato dalla crisi climatica.

Non si tratta di stime o previsioni, ma di una vera e propria certezza. Sono diverse le isole dell’arcipelago ad essere minacciate e il tragico esempio di Kale è il destino a cui rischiano di andare incontro le Isole Salomone. Il tutto è documentato da un reportage di Ade Adepitan per la BBC, con l’intervista ad una giovane donna del posto, Gladys Habu, che ha fatto da guida. “A Kale vivevano i miei nonni, era il mio posto preferito e ci passavo le vacanze“, spiega Gladys, che mostra anche una foto scattata da lei stessa appena dieci anni fa. A quei tempi Kale appariva come un’isola paradisiaca nel Pacifico, con un’estensione di 50mila metri quadri. Oggi quell’isola quasi non esiste più, dopo essere stata sommersa dalle acque.

Le spiagge, sull’isola di Kale, non esistono più e i pochi abitanti rimasti vivono nelle palafitte. Senza un’inversione di tendenza, saranno costretti a lasciare le loro case. “Non siamo responsabili dell’emissione dei gas serra come i paesi occidentali, ma siamo i primi ad essere minacciati dalle conseguenze”, aggiunge Gladys.

(Visited 49 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago