Clima

Clima, gli incendi artici hanno reso lo scorso giugno il peggiore degli ultimi 20 anni

Condividi

Gli incendi esplosi nella zona artica  a giugno hanno prodotto più emissioni di carbonio di qualsiasi altro incendio in quasi due decenni di monitoraggio.

Gli intensi incendi nell’Artico a giugno hanno rilasciato nell’atmosfera terrestre più gas inquinanti rispetto a qualsiasi altro mese in 18 anni di raccolta di dati, hanno riferito gli scienziati europei in un recente rapporto.

Questi dati mostrano l’ennesimo ritratto del riscaldamento globale a cui sta andando incontro il nostro pianeta.

L’ Artico si sta riscaldando almeno due volte e mezzo più velocemente del tasso medio globale. I terreni nella regione sono più asciutti di prima causando una serie di incendi su larga scala su tutta la zona. A giugno, gli incendi hanno rilasciato 59 milioni di tonnellate di anidride carbonica, maggiore di tutte le emissioni di carbonio prodotte dalla Norvegia, un paese produttore di carburanti fossili, in un anno.

Siberia, temperature record a Giugno: l’Artico si sta riscaldando più velocemente del resto del mondo

Temperature più elevate e condizioni di superficie più asciutte stanno fornendo le condizioni ideali affinché questi incendi possano bruciare e persistere per così tanto tempo su un’area così ampia“, spiega Mark Parrington, specialista dei vigili del fuoco presso il Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio termine, che ha pubblicato il rapporto.

Le temperature eccezionalmente elevate nell’estremo nord della Russia sono anche il segnale di un anno insolitamente caldo in tutto il mondo. Le temperature globali medie di giugno hanno quasi eguagliato il record del 2019 e quest’anno nel suo insieme è tra i cinque anni più caldi mai registrati. Le temperature medie in Europa a giugno sono state di 1,3 gradi più calde rispetto alla media nel periodo tra il 1981 e il 2010, secondo i dati europei.

Indonesia, dichiarato lo stato d’emergenza in una provincia devastata dagli incendi lo scorso anno

Gli scienziati del Centro europeo hanno osservato che mentre gli incendi fanno parte dell’ecologia dell’Artico, le dimensioni e l’intensità degli incendi negli ultimi due anni sono “motivo di preoccupazione”.

Rilasciando così tanta anidride carbonica, gli incendi stanno contribuendo al riscaldamento globale. E gli scienziati affermano che gli incendi potrebbero anche portare a un maggiore scongelamento del permafrost artico. La decomposizione della materia organica, come la vegetazione morta e gli animali, in questo terreno precedentemente ghiacciato provocherebbe il rilascio di una quantità superiore di metano, un altro potente gas serra.

Il fumo proveniente dai fuochi siberiani sembra diffondersi nel nord del Pacifico, arrivando fino al nord-ovest del Pacifico, hanno detto gli scienziati del Centro.

Tutto questo mentre la reale stagione degli incendi deve ancora arrivare.

Russia, gli incendi tornano a colpire la Siberia dopo la devastazione dello scorso anno

 

(Visited 36 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago