Territorio

Clima, Greta Thunberg sfida Juncker ed i leader Ue: “agite in fretta”

Condividi

Clima. Un appello o forse più una sfida, è quella lanciata oggi a Bruxelles ai leader politici dell’Unione europea ed al mondo intero dalla giovanissima Greta Thunberg.

“Le persone ci dicono sempre che sperano tanto che i giovani riusciranno a salvare il mondo. Ma non possiamo, semplicemente perché non c’è abbastanza tempo per permetterci di crescere e prendere in mano la situazione”.

Greta Thunberg, la 16enne svedese attivista per il clima che catalizzando la scena mondiale, non usa mezzi termini per parlare davanti ai presidenti delle istituzioni europee, compreso quello della Commissione Juncker, e agli esperti arrivati a Bruxelles per l’incontro con la società civile organizzato dal Comitato economico e sociale europeo.

Chi è Greta Thunberg, la storia della giovane attivista svedese 

“Sappiamo che molti politici non vogliono parlare con noi. Bene, nemmeno noi vogliamo parlare con loro. Ma chiediamo loro di parlare con gli scienziati e di ascoltarli, perché noi stiamo solo ripetendo quello che stanno dicendo da decenni. Non abbiamo altri manifesti da difendere, ascoltare la scienza è la nostra richiesta”, ha insistito la giovane, circondata da una delegazione di giovani attivisti giunti da tutta Europa che oggi marcerà per le strade di Bruxelles insieme a migliaia di coetanei per chiedere un’azione del mondo politico contro il cambiamento climatico.

Fridays for future, la voce dei ragazzi contro il cambiamento climatico 

Sono settimane che ogni giovedì gli studenti del Belgio scendono in strada per manifestare. Greta ha poi definito “triste” il fatto che Juncker, durante il suo intervento, abbia “cambiato discorso verso altri argomenti” non concentrandosi sulla crisi climatica.

Clima, in marcia a Roma il 23 marzo 2019

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago