AttualitàClima

Clima, Greta Thunberg contro Federer: “Roger svegliati!”

Condividi

L’attivista svedese Greta Thunberg si è scagliata con il tennista Roger Federer, colpevole di essere il testimonial del Credit Suisse, uno dei maggiori supporter dell’industria fossile.

Stavolta la sfida è tra due giganti. Da una parte l’attivista svedese diciassettenne Greta Thunberg, madrina del movimento Fridays for Future e simbolo della lotta ambientale, dall’altra invece il tennista svizzero Roger Federer, probabilmente il più grande tennista della storia.

Causa del contenzioso il fatto che Roger sia testimonial del Credit Suisse, istituto di credito che avrebbe effettuato pesanti investimenti (57 miliardi di dollari dal 2016) sull’industria fossile (carbone e petrolio).

Clima, il messaggio di fine anno di Greta Thunberg: “Stiamo consumando tutte le nostre risorse.”

Greta Thunberg ha infatti appoggiato la campagnia social #RogerWakeUpNow, scatenata da un gruppo di ecologisti svizzeri per protestare contro il loro connazionale più famoso.

La protesta nacque nel 2018, quando un gruppo di attivisti fece irruzione in una filiale di Losanna del Credit Suisse e si mise a giocare a tennis tra i clienti per chiedere a Federer di dissociarsi. L’istituto fece causa agli “invasori” chiedendo di condannarli a una multa di 21 mila e 600 franchi svizzeri. Lunedì è attesa la sentenza.

Roger dal 2009 è il volto principale delle campagne pubblicitarie della banca e gli attivisti ora gli chiedono di farsi da parte sino a quando gli investimenti non saranno destinati a industrie ecosostenibili.
King Roger per ora non ha commentato. Ma potete star certi che in Australia, in occasione del primo Slam stagionale, la questione tornerà a galla. Soprattutto in un Paese devastato dagli incendi, che Greta e i suoi follower attribuiscono ai cambiamenti climatici.
(Visited 15 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago