AttualitàClima

Clima, il ghiacciaio si scioglie: la vetta della montagna si abbassa e smette di essere la più alta della Svezia

Condividi

Clima, il ghiacciaio si scioglie e la vetta della montagna più alta del Paese si abbassa di due metri. Succede in Svezia, dove lo scioglimento del ghiaccio ha fatto abbassare di due metri ogni anno la vetta del Kebnekaise, in Lapponia.

Il cambiamento climatico fa anche abbassare le montagne. Sembra una follia ma è la triste realtà: in Svezia, la vetta Sud del Kebnekaise, la più alta del Paese, si è abbassata di due metri solo nell’ultimo anno. Tutto questo a causa del progressivo scioglimento dei ghiacci che la ricoprono: secondo le ultime stime, sulla base di uno studio dell’Università di Stoccolma, negli ultimi 25 anni la vetta ha perso oltre 20 metri di altezza. Lo riporta anche il Guardian.

 

Il Kebnekaise era rimasto l’ultimo ghiacciaio di alta montagna in Svezia, ma con l’aumento delle temperature ha perso due terzi della sua superficie. La vetta Sud, che era la più alta di tutto il Paese, è passata dai 2.118 metri di altezza rilevati nel 1995 ai 2.094,6 di oggi. Con questo clamoroso abbassamento, la vetta Nord del Kebnekaise, non ricoperta da ghiacci, è diventata quella più alta della Svezia. Le rilevazioni, effettuate dalla stazione di Tarfala, vengono effettuate regolarmente dagli anni ’40 del secolo scorso.

Clima, con la fusione dei ghiacci gli orsi polari esposti a sostanze tossiche

L’abbassamento della vetta può essere spiegato, principalmente, dall’aumento della temperatura dell’aria ma anche dal cambiamento delle correnti e dei venti, che influiscono sui modi e sui luoghi in cui la neve si accumula d’inverno“, spiegano i ricercatori svedesi.

(Visited 28 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago