AttualitàClima

Clima, i ragazzi di Fridays for Future tornano in piazza. Le immagini in Italia e dal mondo

Condividi

I giovani di Fridays for Future oggi tornano in piazza per  il sesto sciopero globale per il clima. Non si fermano rispettando sempre le disposizioni di sicurezza per la protezione dal Covid-19. “Il tempo per evitare il collasso climatico sta per finire”, gridano i ragazzi nelle piazze. 


I ragazzi di Fridays For Future oggi nuovamente in piazza per il sesto Global Strike in più di 100 città italiane: “Scioperiamo da una giornata di scuola o di lavoro per inchiodare le persone al potere di fronte alle loro responsabilità e al loro tradimento“, dicono gli organizzatori.

Il movimento si impegna a rispettare le disposizioni di sicurezza per la protezione contro il coronavirus. “Nonostante ci troviamo in una pandemia globale, la crisi climatica non si è fermata. Anzi, continua ad essere ignorata e trascurata dalle persone al potere. La crisi sanitaria ci ha mostrato le contraddizioni dell’attuale sistema economico e sociale, e ci ha costretti ad affrontare la realtà ascoltando la scienza e trattando una situazione di emergenza come tale. Nonostante questo, nessun governo – nemmeno quello italiano – ha iniziato ad ascoltare sul serio gli allarmi che la comunità scientifica ripete da anni. L’avviso e’ chiaro: rischiamo di spingerci troppo in la’. Continuando a immettere CO2 in atmosfera ai livelli attuali supereremo il riscaldamento globale di 1,5 C, il limite sicuro per evitare di innescare reazioni a catena irreversibili che sconvolgerebbero la vita umana sulla Terra”, – scrivono gli organizzatori.

Clima, i Fridays For Future tornano in azione! Primo appuntamento il 25 settembre

Insieme a decine di esperti e associazioni, Fridays for Future ha raccolto nella campagna ” Ritorno al Futuro” molte proposte concrete per il governo italiano: Il tempo per evitare il collasso climatico sta per finire ma arrendersi significa destinarci a un futuro nel caos, e non lo accettiamo. Dobbiamo affrontare la realta’ e trattare la crisi climatica come una crisi“. 

Crisi climatica, per il Principe William è “il momento di agire”

I colori dei fiori stanno cambiando in risposta ai cambiamenti climatici. Lo studio

Incendi, tornadi, siccità: il coronavirus non ha fermato il cambiamento climatico

 

(Visited 45 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago