Clima

Clima, Fridays For Future lancia una serie di webinar per continuare la protesta online

Condividi

Fridays For Future ha creato una serie di webinar per continuare a tenere informati i propri membri, dopo aver spostato la propria protesta online per via delle misure di quarantena.

Fridays For Future, il movimento di protesta creato da Greta Thunberg che ha raccolto milioni di adesioni in tutto il mondo, ha creato una serie di webinar per continuare a informare e protestare nonostante le misure di quarantena.

Coronavirus, Greta: “Continuiamo la nostra protesta sui social”. Parte il #digitalstrike

Greta ha spiegato che i webinar saranno tenuti da “esperti e personaggi influenti” in grado di educare i giovani sulla crisi climatica nonostante la pandemia abbia stravolto le loro vite. “Questa è veramente una buona opportunità per raccogliere le informazioni alle quale le persone dovrebbero avere accesso” ha spiegato Greta durante il primo webinar di ieri.

Clima, Laurence Tubiana: “Il coronavirus non deve distrarre dalla lotta ai cambiamenti climatici”

La scorsa settimana Greta ha spostato la protesta di Fridays For Future online lanciando l’hashtag #ClimateStrikeOnline. La divisione tedesca del gruppo ha creato chat giornaliere con politici, scienziati e attivisti e iniziato a tempestare di mail le autorità chiedendo di fermare i progetti sui combustibili fossili.

Greta Thunberg, il discorso a Bruxelles: “Il testo dell’UE è una resa” VIDEO

Greta ha ammesso di non vedere l’ora di riprendere gli studi ad agosto, quando finirà il suo lungo anno sabbatico: “In realtà mi piace studiare, sono una nerd”.

(Visited 23 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago