AttualitàClima

Clima, Extinction Rebellion è stata inserita tra le organizzazioni “terroriste”

Condividi

La polizia inglese aveva inserito il gruppo ambientalista non violento Extinction Rebellion tra le organizzazioni estremiste, alla stregua dei gruppi terroristici mediorientali. 

La polizia antiterrorismo ha inserito il gruppo non violento Extinction Rebellion (XR) in un elenco di gruppi estremisti che dovrebbero essere segnalate alle autorità che gestiscono il programma Prevent, che mira a catturare coloro che rischiano di commettere atrocità, come scoperto dal Guardian.

Il gruppo è stato inserito tra le associazioni citate in una guida di 12 pagine redatta dalla polizia anti-terrorismo inglese, atta a “proteggere i giovani e gli adulti dalle ideologie estremiste”, ed è considerato un documento ufficiale.

Extinction Rebellion (abbreviato in XR) è un movimento socio-politico non violento per evitare i cambiamenti climatici, fermare la perdita di biodiversità e minimizzare il rischio di estinzione umana e il collasso ecologico. Extinction Rebellion è stata fondata nel Regno Unito nel maggio 2018 con circa un centinaio di accademici che hanno firmato un invito all’azione nell’ottobre 2018 e lanciato alla fine di ottobre da Roger Hallam, Gail Bradbrook, Simon Bramwell e altri attivisti del gruppo della campagna Rising Up!.

XR è stato citato insieme a minacce alla sicurezza nazionale come il gruppo neonazista National Action e il gruppi islamista filo-terrorista Al Muhajiroun, che sono entrambi banditi dal Rgno Unito. La guida, rivolta a agenti di polizia, organizzazioni governative e insegnanti che per legge devono denunciare ogni sospetto su attività terroristiche, è datata lo scorso novembre.

Australia, manifestanti di Extinction Rebellion arrestati durante una protesta in costume VIDEO

Il testo specifica che le questioni a cui prestare attenzione includono le persone che parlano in “termini forti o emotivi su questioni ambientali come i cambiamenti climatici, l’ecologia, l’estinzione delle specie, le trivellazioni, l’espansione dell’aeroporto o l’inquinamento”.

Nella guida, si consiglia alle persone di ascoltare e cercare i giovani che “trascurano di frequentare la scuola” o “partecipano a scioglimenti scolastici programmati” – un’allusione agli scioperi della scuola per il clima, il movimento globale che coinvolge milioni di giovani ispirati da Greta Thunberg. Migliaia di alunni del Regno Unito, e milioni in tutto il mondo, hanno lasciato la scuola l’anno scorso per protestare contro l’inazione del governo sulla crisi climatica.

Extinction Rebellion, una casa nel Tamigi per protestare contro il governo

Un portavoce del gruppo Extinction Rebellion ha dichiarato: “Insegnanti, nonni e infermieri hanno fatto del loro meglio con amorevole non violenza per convincere politici e grandi imprese a fare qualcosa per il terribile stato del nostro pianeta.

” E questo è il mondo con cui il governo risponde, trattandoci da terroristi“.

In una dichiarazione, l’ispettore capo Kath Barnes, capo del Counter Terrorism Policing , ha dichiarato: “Vorrei chiarire che non classifichiamo Extinction Rebellion come organizzazione terrorista.”

“L’inclusione di Extinction Rebellion in questo documento è stata un errore di giudizio e ora rivedremo tutti i contenuti.”

Ha aggiunto che la guida è in fase di ritiro da tutte le zone in cui è stata distribuita.

Clima, nel video di Extinction Rebellion le celebrità chiedono al governo: “Dov’è il vostro piano?”

In qualità di unità antiterrorismo abbiamo la responsabilità di proteggere le persone vulnerabili. Gli agenti sono addestrati a individuare coloro che potrebbero essere vulnerabili e l’appartenenza a un’organizzazione che supporta le questioni ambientali o sul benessere degli animali da sola non deve essere un fattore scatenante “.


(Visited 24 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago