AttualitàClimaGood NewsPolitica

Clima, Erdogan: “La Turchia ratificherà l’Accordo di Parigi”

Condividi

Clima, una buona notizia dalla Turchia. Il presidente Recep Tayyip Erdogan ha annunciato: “Il mese prossimo ratificheremo l’Accordo di Parigi”.

Clima, finalmente una buona notizia dalla Turchia. Il presidente Recep Tayyip Erdogan ha annunciato: “Il mese prossimo ratificheremo l’Accordo di Parigi“. L’annuncio è arrivato durante un discorso alla nazione: “Stiamo per compiere un passo storico sul cambiamento climatico, completeremo il processo prima che si tenga la Cop26 di Glasgow“.

 

Anche la Turchia, quindi, si appresta a definire gli obiettivi definiti dall’Accordo di Parigi sul clima. “Prepareremo tutti i nostri programmi di sviluppo a medio e lungo termine seguendo la transizione strutturale richiesta dalla rivoluzione verde, con l’obiettivo delle emissioni zero“, ha spiegato Erdogan.

Youth4Climate al via a Milano. Greta Thunberg: “Dai leader mondiali solo bla bla bla, vogliamo la giustizia climatica ora”

La Turchia era rimasta tra i pochi Paesi al mondo ad aver firmato l’Accordo di Parigi, ma senza ratificarlo. Ora Erdogan ha annunciato un piano molto ambizioso: “Assumeremo un ruolo guida nella lotta al cambiamento climatico a livello globale, una realtà con cui milioni di persone dovranno confrontarsi sempre di più nei prossimi anni“.

(Visited 20 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago