AnimaliClima

Clima, migliaia di cozze morte di caldo in Nuova Zelanda

Condividi

Clima. Sono centinaia di migliaia le cozze trovate morte su una spiaggia nell’Isola del Nord della Nuova Zelanda.

La causa? Il caldo eccezionale.

Secondo lo scienziato marino Andrew Jeffs dell’Università di Auckland (Usa), questa moria di massa di cozze sarebbe stata innescata sia dal caldo che dalla bassa marea.

Il Northland sta vivendo gravi condizioni di siccità: ci sono molte regioni in cui non piove da ben oltre 40 giorni, un record.

Ma i crostacei non sono gli unici a pagarne il prezzo, anche gli uccelli Kiwi, ad esempio, muoiono mentre sono alla ricerca di acqua.

Abruzzo, ancora un altro lupo morto per avvelenamento

Per tentare di salvare questi animali, le autorità sono costrette a utilizzare con urgenza autocisterne di acqua dolce per riempire i serbatoi di acqua piovana nelle comunità remote.

A causa di uno specifico momento della giornata in cui il Sole, e quindi il caldo, erano particolarmente intensi, centinaia di cozze sono rimaste vittime.

In realtà questi crostacei, secondo gli esperti, stanno soffrendo della variabilità delle condizioni meteorologiche già da un decennio, ma ora sono stati raggiunto picchi ancora più devastanti.

Due tartarughe Caretta Caretta trovate morte sulla spiaggia di Gallipoli

“Penso che vedremo cambiare intere comunità di creature marine – ha detto Jeffs – queste zone di marea sono già un posto molto intenso in cui vivere e un Sole molto caldo durante l’estate lo renderà solo più intenso. Saranno solo le piante e gli animali più duri a sopravvivere lì”.

Secondo un abitante dell’Isola del Nord neozelandese, Brandon Ferguson, l’odore delle cozze morte era pungente e inquietante.

Puzzava di morte e la maggior parte dei gusci era già stata ripulita dai gabbiani e da altra vita marina, ma c’erano ancora centinaia di cozze piene, cozze morenti e cozze morte nell’acqua e alcune galleggiavano intorno alla marea” – ha riferito Ferguson al quotidiano Northern Advocate.

Morti quattro gorilla colpiti da un fulmine: il loro contributo alla specie era fondamentale

E’ stato straziante da vedere” – ha poi aggiunto, dichiarando che “c’erano più di 500.000 gusci vuoti”.

Il Ministero delle industrie primarie ha dichiarato che stava indagando sull’estinzione di massa e ha
esortato le persone a non raccogliere o mangiare le cozze colpite. Jeffs ha affermato che le cozze sono ecologicamente molto importanti per l’ambiente costiero della Nuova Zelanda, ma è probabile che scompaiano dalle aree della barriera corallina, poiché le condizioni diventano sempre più avverse, soprattutto durante l’estate.

“Si tratta di sistemi di barriera su larga scala che si seccano e muoiono” – ha concluso – li perderemo semplicemente”.

(Visited 42 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago