PoliticaTerritorio

Clima, Costa: “necessario sforare deficit per investimenti green”

Condividi

Clima. “Molto ben sviluppata e fattibile” con obiettivi “ambiziosi”, ma che “deve essere chiara nella modalità del loro raggiungimento”.

Con queste parole il Commissario Europeo per l’azione per il clima e l’energia, Arias Canete, ha definito la proposta di Piano Nazionale Integrato Energia e Clima inviato dall’Italia.

“In generale – ha detto Canete in audizione alla Commissioni Ambiente, Attività Produttive, Politiche Ue di Camera e Senato – il piano italiano è molto ben sviluppato e in linea con gli standard previsti dal regolamento, ma bisognerebbe lavorare meglio sulle sinergie tra i vari settori politici, bisognerebbe essere più chiari sulla pianificazione anche dal punto di vista finanziario, più
chiari sulle necessità di investimenti e sull’utilizzo delle risorse”.

Clima, Senato accoglie mozione maggioranza su contrasto cambiamenti climatici

Secondo quanto anticipato dal Commissario Ue, la Commissione sta valutando se i livelli di ambizioni nazionali per gli obiettivi del 2030 sono sufficienti.

Al termine della valutazione, saranno presto formulate raccomandazioni agli Stati membri per sostenerli nell’ultimare i loro piani”.

Canete si è infine detto fiducioso che l’Italia “sarà in grado di presentare un piano finale, che confermi il suo alto livello di ambizione, un piano forte e sufficientemente dettagliato che guardi a tutte le dimensioni dell’unione energetica, che sia frutto di una consultazione con tutti i cittadini e Stati membri vicini”.

Combattiamo i cambiamenti climatici, salviamo la birra

Al termine dell’audizione, il Commissario Ue ha poi incontrato il Ministro dell’Ambiente, Sergio Costa.

“Ho chiesto – ha detto Costa – che gli investimenti per l’economia green possano sforare il tetto del deficit”.

Morte migliaia di pulcinella di mare. Il cambiamento climatico colpisce ancora

Per il Ministro Costa, “ambiente e sviluppo devono camminare insieme, il paradigma economico va cambiato e servono investimenti soprattutto in questa fase di necessaria transizione”.

Il Commissario si è detto aperto al ragionamento, identificando poi nell’Italia “uno dei paesi più ambiziosi” e “ha auspicato, trovandoci favorevoli – ha sottolineato Costa – che possiamo ricoprire anche il ruolo di pontieri con i paesi europei più reticenti per quanto riguarda la strategia di lungo periodo e l’obiettivo della neutralità carbonica al 2050. Io ho ribadito che l’Italia sugli obiettivi ambiziosi c’è, vuole avere un ruolo primario e lavorare affinché tutta l’Europa abbia una posizione da protagonista nel delineare una strategia di lungo periodo davvero efficace contro i cambiamenti climatici”.

 

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago