Territorio

Clima, per Costa lotta alla desertificazione è priorità. Con nostro aiuto accesso idrico a 300 mila persone

Condividi

 Clima. “Lotta alla desertificazione in Paesi a rischio è la nostra priorità. Con il nostro aiuto
ripristineremo 20.000 ettari di terre in Sahel per garantire l’accesso idrico a 300.000 persone“.

A dirlo, è il Ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, durante l’incontro sul clima in corso ad Abu Dhabi.

“Questo – ha aggiunto – è il modo migliore per affrontare le 3 grandi tematiche di questo secolo: la
migrazione delle persone, la desertificazione e i cambiamenti climatici”.

Energia e Clima, pronto un pacchetto di 50 azioni per decarbonizzare e tagliare le emissioni

Parallelamente al Vertice, il ministro Costa ha incontrato prima il segretario esecutivo della Convenzione contro la desertificazione nel mondo e poi ha preso parte all’incontro congiunto dei ministri dell’Ambiente e della Salute e a seguire alla consultazione dei giovani, il dialogo tra i giovani delegati e i coordinatori delle tavole rotonde.

Emergenza climatica, New York è la più grande città USA a dichiararla

Emergenza Climatica Roma, 30mila firme consegnate in Campidoglio

Sulla sua pagina facebook, Costa spiega poi che “sono 135 milioni le persone che da qui al 2025 migreranno dai paesi colpiti dalla desertificazione, ingrossando i fenomeni migratori di cui si parla ormai tutti i giorni”.

“Con Ibrahim Thiaw, segretario esecutivo della contro la desertificazione nel mondo – si legge ancora – abbiamo discusso e ci siamo confrontati sulla comune priorità di aiutare i paesi maggiormente colpiti dalla desertificazione. E di farlo coniugando anche la preservazione della loro biodiversità: dobbiamo agire affinché zone come il Sahel (la zona dell’Africa più colpita al mondo dalla desertificazione) tornino ad essere vivibili e sostenibili. Ogni Paese deve essere operativo su questo fronte per un mondo migliore”.

Clima, ok delle Regioni Ue a strategia per un’economia climaticamente neutra

Ultimo appuntamento della giornata, sarà la visita presso la sede dell’Agenzia Internazionale Energie Rinnovabili (IRENA).

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago