PoliticaTerritorio

Clima, sul sito del Ministero la consultazione pubblica su ‘strategia di lungo termine’

Condividi

Clima. Attiva sul sito del ministero dell’Ambiente la consultazione pubblica sulla “Strategia di sviluppo a basse emissioni di gas a effetto serra”, detta anche “Strategia di lungo termine” (con orizzonte temporale al 2050), che l’Italia deve predisporre e inviare alla Commissione europea entro il primo gennaio 2020, come previsto dall’accordo di Parigi e dalle normative europee.

A renderlo noto, lo stesso Ministero in un comunicato.

Il ministro dell’Ambiente Sergio Costa ha sottolineato l’importanza di questo processo partecipativo e del coinvolgimento dei cittadini nella “grande sfida globale della decarbonizzazione”.

Clima, un Green New Deal per il Comune di Roma

Climathon, all’Italia il primato mondiale della partecipazione

Il ministero dell’Ambiente, in coordinamento con i ministeri dello Sviluppo economico, delle Politiche agricole e delle Infrastrutture, ha infatti avviato i lavori per la predisposizione della Strategia, e sono in corso approfondimenti tecnici sulle opportunità e le sfide che derivano dalla transizione verso un’economia a basse emissioni.

Clima, 5 milioni di alberi piantati in Messico per combattere il cambiamento climatico

La consultazione pubblica da’ la possibilità a tutti (cittadini, imprese, associazioni di lavoratori, di categoria, non profit, professionisti del settore, istituti finanziari, etc.) di formulare osservazioni e proposte.

Per farlo, informa ancora il comunicato, è necessario compilare entro il 4 novembre 2019 e trasmettere alla casella di posta LTS@minambiente.it i questionari sul sito.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago