Territorio

Clima, il caldo scioglie un ghiacciaio. Un paese travolto dall’acqua VIDEO

Condividi

Clima. La cittadina svizzera di Zermatt  si è trovata invasa da una marea d’acqua che è esondata dal fiume Triftbach. La causa sarebbe stata lo scioglimento di parte di un ghiacciaio.

Momenti di paura ieri nella cittadina di Zermatt, celebre località alpina svizzera. In un attimo, il paese è stato colpito da un’inondazione improvvisa, gettando nel panico gli abitanti. Lo stupore è durato qualche minuto, quando dopo la preoccupazione iniziale la situazione è tornata alla normalità

Clima, una targa in ricordo del primo ghiacciaio scomparso

 

L’onda anomala che ha colpito questo paese a 1600 metri d’altezza sarebbe stata conseguenza dello scioglimento di una parte del ghiacciaio del Cervino, causato dal caldo anomalo di questi giorni.

Un laghetto che si trova sottoterra, proprio al di sotto del ghiacciaio, si sarebbe ingrossato a dismisura,fino a confluire nel fiume Triftpbach che è poi esondato portandosi dietro sassi e terra.

Emergenza climatica, il caldo crea un nuovo lago sulle Alpi a 3500 metri VIDEO

Questo spiega come un fenomeno tipicamente alluvionale come l’esondazione di un fiume sia avvenuto in assenza di precipitazioni.

Temperature da record: caldo anomalo o conseguenza dei cambiamenti climatici?

La causa quindi è da attribuirsi all’ondata di caldo che sta colpendo l’Europa in questi giorni,registrando temperature record in tutto il Continente,con picchi di oltre 40 grandi in Spagna, Francia, Germania e Olanda.

 

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago