Attualità

Clima. Fino a 7 gradi centigradi di aumento delle temperature entro il 2100

Condividi

Clima. Fino a 7 gradi centigradi di aumento delle temperature entro il 2100.

Non è una fantasia, ma lo scenario peggiore dello studio dei climatologi francesi pubblicato su Le Monde.

Lo studio, si basa su nuovi modelli matematici da cui partiranno i lavori dell’Ipcc, il Panel Intergovernativo sul cambiamento climatico dell’Onu.

Allo studio, che alimenterà il sesto rapporto del gruppo di esperti Onu sul clima, previsto per il 2021-2022, hanno partecipato circa cento tra ricercatori ed ingegneri del Centre National de la recherche scientifique (CNRS) del Commissariat à l’énergie atomique (CEA) e Météo France.

Clima, il Segretario generale dell’ONU: “Stiamo perdendo la battaglia” VIDEO

Lo studio:

Incrociandoli con vari scenari socioeconomici, gli scienziati francesi hanno prodotto due modelli climatici diversi.

I due modelli sviluppati, prevedono un continuo aumento della temperatura media globale fino ad almeno il 2040, raggiungendo circa 2 C, indipendentemente dall’evoluzione delle emissioni di gas serra – a causa dell’inerzia del sistema cliamtico.

Tutto dipenderà dalle politiche attuate dagli Stati per limitare o meno le emissioni di carbonio.

Dl Clima approda in CdM, Costa: ‘grande confronto, sarà provvedimento corposo’

Nel peggiore dei casi di rapida crescita economica alimentata da combustibili fossili, il termometro passerà in media da 6,5 C a 7 C entro il 2100, un grado in più rispetto ai modelli precedenti previsti nel 2012.

“Si tratta di un riscaldamento enorme e soprattutto molto rapido, nell’arco di cento anni” – spiega Pascale Braconnot, specialista in modellizzazione del clima presso il Laboratorio di Scienze Climatiche e Ambientali.

“Durante l’ultima deglaciazione, durata 10.000 anni, la temperatura è aumentata globalmente di circa 3-4 C” – ricorda poi – il termometro è finora aumentato di 1 C rispetto all’era preindustriale, con una serie di disastri (uragani più intensi, siccità più lunghe, ecc.)”.

 

(Visited 70 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago