Clima

Clima, l’Arcipelago Artico raggiunge la temperatura più alta mai registrata

Condividi

La parte norvegese dell’Arcipelago Artico ha raggiunto sabato la temperatura più alta mai registrata, arrivando a 21.7 gradi.

L’arcipelago artico norvegese delle Svalbard sabato ha registrato la sua temperatura più alta di sempre, secondo quanto riferito dall’istituto meteorologico del paese.

Per il secondo giorno consecutivo, l’arcipelago ha registrato 21,2 gradi Celsius (70,2 Fahrenheit) nel pomeriggio, appena sotto i 21,3 gradi registrati nel 1979, ha riferito al meteorologo Kristen Gislefoss all’AFP.

Più tardi nel pomeriggio, invece, intorno alle 18:00 ora locale, ha registrato 21,7 gradi, stabilendo un nuovo record assoluto.

Il gruppo di isole, dominato da Spitzbergen, l’unica isola abitata nell’arcipelago della Norvegia settentrionale, si trova a 1.000 chilometri (620 miglia) dal Polo Nord.

L’ondata di calore, che è durata fino a lunedì, è un enorme picco rispetto alle temperature normali di luglio, il mese più caldo dell’Artico.

Siberia, temperature record a Giugno: l’Artico si sta riscaldando più velocemente del resto del mondo

Le isole Svalbard normalmente si aspettano di vedere temperature di 5-8 gradi Celsius in questo periodo dell’anno.

La regione ha visto temperature cinque gradi sopra la norma da gennaio, con un picco di 38 gradi in Siberia a metà luglio, appena oltre il circolo polare artico.

Secondo un recente rapporto “Il clima delle Svalbard nel 2100”, le temperature medie per l’arcipelago tra il 2070 e il 2100 aumenteranno di 7-10 gradi, a causa dei livelli di emissioni di gas serra.

Le modifiche sono già visibili. Dal 1971 al 2017 sono stati osservati tra i tre e i cinque gradi di aumento del riscaldamento, con i maggiori aumenti in inverno, secondo il rapporto.

Clima, l’ondata di caldo siberiano è un “grido d’allarme”. Le immagini satellitari dell’Artico color rosso

Le Svalbard, conosciute per la loro popolazione di orsi polari, ospitano sia una miniera di carbone, sia una “culla del seme del giorno del giudizio” che dal 2008 ha raccolto semi e risorse agricole da tutto il mondo, da conservare in caso di catastrofe globale

 

 

 

(Visited 45 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago