Clima

Clima, l’Antartide una volta era coperto da paludi e foreste pluviali VIDEO

Condividi

Gli scienziati hanno ritrovato sulla costa dell’Antartide dei resti di suolo risalenti a 90 milioni di fa, i quali indicherebbero che il continente una volta era ricoperto dalla vegetazione e pieno di vita.

L’Antartide ad oggi è una distesa infinita di neve e ghiaccio ma non è sempre stato così. Secondo gli scienziati, basandosi sui resti di suolo intatto di circa 90 milioni di anni fa, il continente più a sud del pianeta una volta ospitava foreste pluviali e paludi piene di vita.

 

Antartide, il ghiaccio si scioglie e compare una nuova isola

I sedimenti ottenuti dagli scienziati a bordo del rompighiaccio RV Polarstern nel Mare di Amundsen, vicino al ghiacciaio di Pine Island, appartiene al Cretaceo, quando la Terra era dominata dai dinosauri. I ricercatori sostengono che in quest’area, a 900 km dal Polo Sud, la temperatura media annuale era tra i 12° e i 13° C, mentre nei mesi estivi la temperatura poteva anche raggiungere tra i 20° e i 25° C. Si tratta di temperature eccezionalmente elevate per un’area vicino al polo sud, dove la temperature media annuale è di circa -40°C. Una temperatura analoga potrebbe essere quella attuale di New York City secondo il geologo marino Johann Klages dell’Alfred Wegener Institute’s Helmholtz Center for Polar and Marine Research, autore della ricerca pubblicata sulla rivista Nature.

Antartide, neve rossa come il sangue: è colpa dei cambiamenti climatici

Il terreno ritrovato, di colore marrone scuro, era composto da limo e argilla, con resti di radici fossili, pollini e spore di 65 tipi di piante diverse, con strutture cellulari individuali chiaramente visibili. “Il suolo non è diverso da quello che trovate nei boschi vicino alle vostre case” ha spiegato Klages. Secondo il geologo nella vegetazione erano presenti conifere, felci e piante da fioritura. Nonostante gli scienziati non siano riusciti a trovare alcun resto di animali, secondo Klages probabilmente il continente era abitato da dinosauri, rettili volanti chiamati pterosauri e da insetti. La presenza di dinosauri in Antartide è stata documentata da anni.

Antartide senza neve, gli esperti: “Mai visto nulla di simile” VIDEO

Il risultato della ricerca sottolinea i drammatici effetti dei cambiamenti climatici che sono avvenuti, e che continuano ad avvenire, sul nostro pianeta. I resti di suolo secondo Klages infatti appartengono al periodo più caldo della Terra, quando il livello del mare era di circa 170 metri più alto rispetto ad oggi. La scoperta della foresta pluviale è ancora più straordinaria per i ricercatori, considerando che ad oggi nella regione si verifica il fenomeno della notte polare, che può durare fino a sei mesi, nella quale non c’è luce solare in grado di nutrire le piante. Sempre secondo Klages in quel periodo non esistevano lastre di ghiaccio ma non è da escludere la presenza di nevicate stagionali.

(Visited 42 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago