AttualitàClima

Clima, l’allarme Iea: “Con gli attuali impegni riscaldamento a 2,1°C nel 2100”

Condividi

Clima, l’allarme Iea: “Con gli attuali impegni sarà impossibile rispettare gli obiettivi dell’Accordo di Parigi”. La stima, infatti, è che nel 2100 le temperature globali saliranno di 2,1°C.

Clima, l’allarme dell’Agenzia internazionale dell’energia (Iea): “Con gli attuali impegni sarà impossibile rispettare gli obiettivi dell’Accordo di Parigi“. Nel World Energy Outlook, il rapporto annuale sull’energia nel mondo, viene infatti stimato che le temperature globali nel 2100 saliranno di 2,1°C, al di sopra del limite fissato a Parigi nel 2015.

 

Il rapporto esamina tre scenari possibili di decarbonizzazione: il primo è l’obiettivo zero emissioni al 2050, il secondo è quello delle politiche deliberate a oggi e il terzo quello degli impegni annunciati per aggiornare quelli di Parigi. In tutti e tre i casi, comunque, si stima che l’obiettivo di contenere in 2°C l’aumento della temperatura globale non potrà essere raggiunto. Nonostante lo sviluppo dell’eolico e del fotovoltaico, nel 2021 continua a crescere il consumo mondiale di carbone, spingendo le emissioni di CO2 verso il secondo maggior incremento della storia.

Clima, il report del Fondo monetario internazionale: “Ai combustibili fossili 11 milioni di dollari al minuto”

Gli attuali impegni sul clima porterebbero nel 2030 ad appena il 20% della riduzione delle emissioni che sarebbe necessaria per raggiungere il target di zero emissioni al 2050” – ha spiegato Fatih Birol, direttore esecutivo della Iea – “Arrivare a quell’obiettivo richiede che gli investimenti in progetti di energia pulita e infrastrutture più che triplichino nel prossimo decennio. Circa il 70% della spesa addizionale bisogna che avvenga nei paesi emergenti e in via di sviluppo“.

(Visited 9 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago