Clima, Umberto Galimberti: “Non arriveremo al 2050”

L’intervento del filosofo e psicoterapeuta alla 54ª edizione della Barcolana, con un messaggio sul clima e un appello sia alla politica che ai giovani.

Non arriveremo al 2050, perché non stiamo facendo niente per salvare la Terra“. Questo il messaggio di Umberto Galimberti, a margine del suo intervento al Barcolana Sea Summit. Il filosofo e psicoterapeuta ha spiegato che per salvare il Pianeta, occorre riunciare al profitto, e di non credere che l’uomo sia in grado di farlo per contrastare la crisi del clima.

Facendo l’esempio della riapertura di centrali a carbone con la crisi energetica, il filosofo ha spiegato che non siamo ancora abbastanza consapevoli del disastro di cui siamo responsabili e poi spiega: “Questo inverno la temperatura sarà di un grado superiore alla media: è tanto! Non abbiamo nessuna percezione della gravità della situazione, a differenza dei giovani“. Ed è proprio all’attivismo giovanile che Umberto Galimberti si rivolge: “Il Papa li ha incoraggiati a fare chiasso, ma senza armi di ricatto non si risolve granché. L’Occidente va avanti assumendo il denaro come generatore simbolico di tutti i valori, così non possiamo pensare di risolvere i problemi della Terra. Il problema è che possiamo vivere solo qui sulla Terra“.

Un altro monito viene lanciato alla politica. “Si dice: ‘Speriamo, auspichiamo, auguriamoci’… Cosa vuole dire? Sono tutte parole della passività, giustamente Pasolini aveva tolto la speranza dal suo vocabolario” – ha spiegato Umberto Galimberti – “Diciamolo chiaramente: la speranza non esiste. Sono convinto che i giovani bevano tanto, si droghino non per il piacere che queste sostanze possano dare ma come anestetico per seppellire l’angoscia che viene loro quando pensano al futuro“.

Articolo precedenteMobilità, gli Italiani preferiscono l’auto. Ma aumentano gli spostamenti a piedi (causa pandemia e crisi energetica)
Articolo successivoUmbria, a Pietralunga (Pg) al via la mostra mercato del tartufo bianco e della patata