PoliticaTerritorio

Clima, riunione dei Ministri dell’ambiente dell’Asean in Cambogia fino al 10 ottobre

Condividi

Clima. Da oggi fino al 10 ottobre, i ministri dell’Ambiente dell’Associazione delle nazioni del Sud-est asiatico (Asean) si riuniranno in Cambogia per discutere di inquinamento e di altre questioni legate al clima.

A renderlo noto, il portavoce del ministero dell’Ambiente cambogiano, Neth Pheaktra.

Il 15mo incontro ministeriale dell’Asean sull’ambiente si tiene nella provincia nord-occidentale di Siem Reap.

Clima, Assemblea Fridays For Future a Napoli: sarà il ’68 dell’ambiente

“Durante l’incontro – ha sottolineato il portavoce – i ministri dell’ambiente dell’Asean discuteranno di una vasta gamma di questioni di cooperazione regionale sull’ambiente, compresi i cambiamenti climatici, le città ecosostenibili, la conservazione della biodiversità, l’ambiente costiero e marino, l’educazione ambientale, la gestione delle risorse idriche, la gestione di rifiuti chimici e pericolosi”.

Bologna, un’altra città italiana dichiara lo stato di emergenza climatica.

Come ha spiegato Pheaktra, durante la riunione biennale dovrebbero venir adottati tre documenti chiave:

  • il progetto di dichiarazione congiunta Asean sui cambiamenti climatici
  • il progetto di piano strategico sull’ambiente
  • la richiesta di designare cinque parchi nazionali in Myanmar, Thailandia e Vietnam come parchi patrimonio dell’Asean.

“In occasione del lancio delle Green Initiatives – ha concluso il portavoce cambogiano – i ministri parteciperanno anche a una cerimonia per piantare alberi di fiori di Kravan di fronte al Tempio di Angkor Wat”.

L’Asean, fondata nel 1967, raggruppa Brunei, Cambogia, Indonesia, Laos, Malesia, Myanmar, Filippine, Singapore, Thailandia e Vietnam.

 

 

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago