Clima

Clima, crolla l’ultima calotta di ghiaccio intatta del Canada

Condividi

La Milne Ice Shelf, l’ ultima piattaforma di ghiaccio completamente intatta nell’Artico canadese è crollata a causa delle alte temperature, perdendo oltre il 40% della sua area in soli due giorni.

A fine luglio è crollata la Milne Ice Shelf, l’ultima piattaforma di ghiaccio completamente intatta nell’Artico canadese, perdendo oltre il 40% della sua area in soli due giorni a causa delle alte temperature.

Il Milne Ice Shelf si trova ai margini dell’isola di Ellesmere, nel territorio scarsamente popolato del Canada settentrionale del Nunavut.

Clima, il ghiacciaio più profondo a rischio: si è ritirato di 5 km in 22 anni

Temperature dell’aria superiori alla normale, venti forti e mare aperto davanti alla piattaforma di ghiaccio fanno tutti parte della ricetta per la rottura della piattaforma di ghiaccio“, ha detto il Canadian Ice Service su Twitter quando ha annunciato la perdita domenica.

 


L’area della piattaforma si è ridotta di circa 80 chilometri quadrati. In confronto, l’isola di Manhattan a New York copre circa 60 chilometri quadrati.

Questa era la più grande piattaforma di ghiaccio rimasta intatta, e si è sostanzialmente disintegrata“, ha detto Luke Copland, un glaciologo dell’Università di Ottawa, che faceva parte del gruppo di ricerca che studiava la piattaforma di ghiaccio Milne.

L’Artico si è riscaldato al doppio del tasso globale negli ultimi 30 anni, a causa di un processo noto come amplificazione dell’Artico. Ma quest’anno, le temperature nella regione polare sono state estremamente calde causando  temperature record in Siberia e incendi devastanti.

Clima, una missione per scoprire perché il ghiacciaio Thwaites si sta sciogliendo così rapidamente

L’estate nell’Artico canadese quest’anno in particolare è stata di 5 gradi Celsius al di sopra della media di 30 anni, ha detto Copland.

Ciò ha minacciato le calotte polari più piccole, che possono sciogliersi rapidamente perché non hanno la massa che i ghiacciai più grandi hanno per rimanere freddi. Quando un ghiacciaio scompare, viene esposta più roccia, che si riscalda e accelera il processo di fusione.

 


Quelli molto piccoli, li stiamo perdendo drammaticamente“, ha detto, citando le recensioni dei ricercatori sulle immagini satellitari. “Ti senti come se fossi su un’isola che affonda inesorabilmente e cerchi in tutti i modi di trovare la terra ancora emersa.”

La scomparsa è stata confermata il mese scorso, quando le riprese satellitari della NASA della regione hanno rivelato una completa mancanza di neve e ghiaccio.

Nel frattempo, anche altre due calotte di ghiaccio su Ellesmere – chiamate Murray e Simmons – stanno diminuendo e probabilmente scompariranno entro 10 anni.

(Visited 296 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago